Tripadvisor sospende le recensioni del ristorante in cui è stata aggredita Beauty Davis

Tripadvisor sospende le recensioni del ristorante in cui è stata aggredita Beauty Davis
Open INTERNO

Alle proteste della ragazza, il 53enne l’avrebbe aggredita

Beauty Davis, di origini nigeriane, doveva ricevere una paga pari a 600 euro.

Troppe recensioni negative.

Una shitstorm da parte di utenti da tutta Italia che hanno costretto Tripadvisor a sospendere ogni altro commento sul ristorante Lido Mare Nostrum di Soverato, in provincia di Catanzaro.

L’evento al quale fa riferimento la piattaforma di riferimento per recensioni e prenotazioni è quello che ha visto come protagonista una ragazza di 25 anni venire aggredita dal suo datore di lavoro. (Open)

Su altre fonti

Una storia che dovrà essere chiarita dalla Procura in seguito all'informativa arrivata sul tavolo del magistrato Insomma, per Pirroncello, figlio di carabiniere in pensione, sarebbe stata Beauty ad aggredirlo, non viceversa. (ilGiornale.it)

È la mia prima volta in Calabria e vedere dall’aereo queste colline e queste coste è qualcosa di meraviglioso. Invitato a visitare il Museo Reggio e i Bronzi di Riace. “Vieni a Reggio Calabria, a vedere di persona i Bronzi di Riace” (Quotidiano online)

Ma, come spiega Sacco, che i dipendenti registrino le richieste di pagamento è una pratica consigliata dallo stesso sindacato: «Gli diamo una sorta di “cassetta degli attrezzi” su come comportarsi Le è stato distrutto e sottratto dal titolare del lido “Mare Nostrum” di Soverato, località turistica del litorale catanzarese. (Rolling Stone Italia)

Il sit in - Lavoratrice aggredita a Soverato per la paga, presidio sul lungomare

Il sindaco di Soverato Daniele Vacca ha scelto da che parte stare, dichiarando che qualora si arrivasse a un processo per l’aggressione alla donna di origini nigeriane, il Comune si costituirà parte civile. (Gazzetta del Sud - Edizione Calabria)

Beauty, una 25enne nigeriana, aveva deciso di lasciare l'occupazione di lavapiatti e addetta alla pulizia della cucina di un noto lido cittadino perché umiliata, vessata e sfruttata dal proprietario dello stabilimento. (iLMeteo.it)

Lo riferisce una nota stampa a firma di Fronte Comunista nella quale si specifica: «Aggressioni, soprusi, caporalato sono ormai il pane quotidiano dei lavoratori precari, stagionali e immigrati della nostra regione e ciò è conseguenza non soltanto della prepotenza padronale portata avanti ormai con spavalderia e impunità ma anche di una propaganda continua e martellante che normalizza la violenza e l’indifferenza nei confronti di chi è più debole». (LaC news24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr