Maxi truffa internazionale sul risparmio energetico: le indagini partite da Saint-Christophe

Maxi truffa internazionale sul risparmio energetico: le indagini partite da Saint-Christophe
Aosta Oggi INTERNO

La maxi truffa organizzata tramite le otto società fantasma individuate avrebbe permesso di ottenere indebitamente certificati bianchi per un valore complessivo di 27 milioni di euro

Le aziende possono investire in progetti propri di efficienza energetica o acquistare i "certificati bianchi" da altri operatori del settore, le cosiddette Energy Service Company (E.S.Co.

Maxi truffa internazionale sul risparmio energetico: le indagini partite da Saint-Christophe (Aosta Oggi)

Ne parlano anche altri giornali

Il Gestore dei Servizi Energetici S.p.a. riconosce alle aziende distributrici un controvalore in certificati in misura corrispondente al risparmio di energia derivante dagli interventi realizzati. Le persone indagate sono accusate a vario titolo di associazione a delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e riciclaggio. (Il Fatto Quotidiano)

Aosta - La Guardia di finanza di Aosta ha scoperto una maxi-truffa nel settore energetico e dei cosiddetti 'certificati bianchi': 22 gli arresti tra Italia e Germania, sequestrati beni per 41. milioni di euro. (Il Giorno)

L'indagine è stata denominata Carta Bianca ed è stata condotta assieme alle autorità tedesche. nelle province di Milano, Torino, Varese, Asti, Vercelli e Biella, «vere e proprie scatole vuote utilizzate al solo scopo di ottenere e scambiare certificati bianchi» (La Stampa)

Maxi truffa dietro rincari su bollette, 22 arresti tra Italia e Germania

I Certificati bianchi vengono poi presentati al Gestore dei Servizi Energetici (Gse) per maturare il diritto all’ottenimento di un contributo tariffario in denaro da parte della Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali (Csea). (Open)

Ventidue gli arresti eseguiti tra Italia e Germania e beni per 41 milioni di euro sequestrati. Alla base del meccanismo c'è l'obbligo, da parte delle aziende distributrici di energia elettrica e gas con più di 50mila clienti finali, di conseguire annualmente determinati obiettivi di risparmio energetico. (Il Messaggero)

Ventidue gli arresti eseguiti tra Italia e Germania e beni per 41 milioni di euro sequestrati. Alla base del meccanismo c'è l’obbligo, da parte delle aziende distributrici di energia elettrica e gas con più di 50mila clienti finali, di conseguire annualmente determinati obiettivi di risparmio energetico. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr