L'attesa per l'inflazione Usa pesa sui mercati

Money.it ECONOMIA

Le scivolate nei mercati asiatici hanno seguito Wall Street, che ha chiuso martedì con tutti e tre i principali indici in ribasso.

Gli economisti prevedono un’inflazione complessiva su base mensile dello 0,2% e un tasso su base annua dell’8,7%.

Il modo in cui le cifre influiranno sulle opinioni sull’inasprimento della Fed sarà fondamentale per il sentimento di rischio.

La Cina frena nei mercati dopo che l’indice dei prezzi al consumo ha raggiunto il massimo di due anni a luglio con il rimbalzo dei prezzi della carne di maiale, secondo i dati ufficiali pubblicati mercoledì

I mercati stanno scontando la possibilità di un ulteriore aumento di 0,75 punti percentuali alla prossima riunione politica della Fed a settembre. (Money.it)

Su altri giornali

Lo ha annunciato il dipartimento del Lavoro americano. Il dato annuo cresce del 9,8%, contro il +11,3% del mese precedente e il +10,4% previsto (l'Adige)

I contratti di affitto che vengono rinegoziati ora a prezzi sensibilmente più alti peseranno sulle famiglie per molti mesi; lo stesso si può dire per i prezzi delle case. Continuano invece a salire, mese su mese, con ulteriori rincari rispetto a giugno sia il prezzo degli alimentari che quello degli affitti e in generale dei costi dell’abitazione. (Il Sussidiario.net)

Un indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti per luglio più alto del previsto potrebbe mettere in guardia i mercati, dopo dati sull'occupazione sorprendentemente positivi la scorsa settimana. I titoli tech, sensibili ai tassi, perdono lo 0,5%, guidando i ribassi settoriali. (Investing.com Italia)

Secondo uno studio dell'Istituto Cattaneo la coalizione di centrodestra dovrebbe ottenere un'ampia maggioranza in entrambe le Camere il 25 settembre. Spread Btp/Bund poco sopra 200 punti base in attesa dell'asta Bot. (Milano Finanza)

(Teleborsa) - Con un rialzo marginale, Piazza Affari risulta la migliore tra le borse europee, in una prima parte di seduta poco mossa in quanto gli investitori sono in attesa dei dati sull'inflazione statunitense di oggi pomeriggio. (ilmessaggero.it)

Su base mensile il dato è rimasto invariato a luglio (+0,0%) rispetto al +1,3% della passata rilevazione e al +0,2% indicato dagli analisti. A New York, i tre indici principali americani si muovono in deciso rialzo: il Dow Jones sale dell’1,3%, l’S&P 500 dell’1,5% circa e il Nasdaq a +1,9% dopo la recente debolezza. (Finanza.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr