A Parigi non fu "niente di personale"

A Parigi non fu niente di personale
RSI.ch Informazione ESTERI

Salah Abdeslam, unico sopravvissuto del commando che il 13 novembre del 2015 attaccò Parigi causando 130 morti e centinaia di feriti, ha spiegato in modo raggelante la sua partecipazione a quegli attentati, quando ha preso la parola oggi, mercoledì, al processo in corso contro 14 imputati.

Prima di lui toccava agli altri 13 accusati.

"Abbiamo preso di mira la Francia, la popolazione, dei civili, ma non c'era niente di personale. (RSI.ch Informazione)

Se ne è parlato anche su altre testate

Ha mostrato anche insofferenza per le parole usate per definire lui e gli altri imputati, “terroristi, jihadisti, radicalizzati. in realtà - ha obiettato - si tratta soltanto di autentico islam, e questi terroristi, questi radicali, sono dei musulmani” Ma in realtà, non abbiamo niente di personale contro quella gente: il nostro bersaglio era la Francia e nient’altro. (Ticinonews.ch)

“Gli aerei francesi che bombardano lo Stato Islamico non fanno distinzione fra uomini, donne e bambini”, ha detto Abdeslam. Lui e i suoi complici, ha aggiunto, hanno voluto “far subire alla Francia lo stesso dolore che noi subiamo” (laRegione)

"So che le mie frasi possono scioccare – ha continuato Salah – soprattutto delle anime sensibili. "Abbiamo attaccato la Francia, preso di mira la popolazione, dei civili, ma non c’era niente di personale". (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Attentati Parigi, Abdeslam: “Niente di personale, abbiamo inferto alla Francia il nostro dolore”

Il primo a parlare è stato Salah Abdeslam, che fin dalla prima udienza si è mostrato il più irrequieto tra i militanti jihadisti alla sbarra. «Non voglio mentire» - Le parti civili presenti in aula hanno ascoltato con grande emozione le parole di Abdeslam, riferiscono i media francesi (Ticinonline)

I terroristi, jihadisti radicalizzati, ai quali continuate a fare riferimento, sono in realtà dei musulmani: è islam autentico. François Hollande ha detto che noi abbiamo combattuto la Francia a causa dei suoi valori, ma è una menzogna. (RTL 102.5)

"Gli aerei francesi che bombardano lo Stato islamico non fanno distinzione fra uomini, donne e bambini", così il terrorista durante l’udienza, che ha voluto far "subire alla Francia lo stesso dolore che noi subiamo". (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr