Stellantis, Mirafiori doppio turno ma la Fiom non firma

ClubAlfa.it ECONOMIA

La Fiat 500 elettrica, Mirafiori e ciò che hanno deciso quelli di Stellantis. A Mirafiori si raddoppia, ovvero, si passa al doppio turno di produzione per la piccola Fiat 500 full Electric.

Oggi è emerso ancora più chiaramente ciò che Stellantis ha deciso di fare in Piemonte, tra Mirafiori e Grugliasco.

Un passaggio graduale da Grugliasco a Mirafiori. Il crono programma di Stellantis sul polo di Torino è ormai chiuso

L’incontro azienda sindacati, ok sul polo di Torino, ma la Fiom non firma l’intesa con Stellantis. (ClubAlfa.it)

La notizia riportata su altri media

L’intesa tra Stellantis e sindacati da poco raggiunta a Torino rischia di rivelarsi un boomerang per l’intero polo produttivo. E che alle Carrozzerie di Mirafiori, dove verrebbe trasferita la manodopera, oscilla tra i 54 e i 55. (Il Fatto Quotidiano)

Entro fine novembre, in particolare, sarà completato il trasferimento della verniciatura delle Maserati nello stabilimento di Torino, mentre a gennaio si partirà con verniciatura e assemblaggio dei modelli. (Cronaca Qui)

Prima di luglio e della sigla di oggi Mirafiori contava2850 tute blu. Ad oggi continuano le uscite anche di personale giovane e non solo quello finalizzato alla pensione — osserva Davide Provenzano, segretario Fim Cisl Torino —. (Corriere della Sera)

I sindacati metalmeccanici hanno raggiunto l’accordo con Stellantis sulla riorganizzazione del Polo produttivo di Torino, ma la Fiom non ha firmato perché «sancisce la chiusura della Maserati di Grugliasco e perché manca un piano complessivo». (Corriere della Sera)

La nuova vita di Mirafiori passa anche dalla “Stellantis Italy House”, che sarà inaugurata il 3 novembre in via Plava, fra il Centro Stile e l’Heritage Hub. Una lunga fila di 500 elettriche incrocia un gruppetto di Maserati Levante nuove di zecca. (La Stampa)

A Mirafiori saranno trasferite le attività della ex Bertone, oggi Agap - fabbrica che Fca aveva rilevato nel 2009 - e tutti i 1.100 dipendenti Quindi serve un piano generale che l'azienda non ha fornito", spiegano Simone Marinelli, coordinatore auto della Fiom nazionale ed Edi Lazzi, segretario della Fiom torinese. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr