L' ambasciatore italiano in Congo ucciso in un agguato nel parco Virunga insieme al carabiniere di scorta

L' ambasciatore italiano in Congo ucciso in un agguato nel parco Virunga insieme al carabiniere di scorta
Zazoom Blog ESTERI

Leggi su tg.la7 (Di lunedì 22 febbraio 2021) Cominciano ad emergere a poco a poco dettagli sull'attacco contro un convoglio delle Nazioni unite in, durante il quale hanno perso la vita l', Luca Attanasio, 43 anni, un . La7tv : #propagandalive L'ultima intervista a Luca Attanasio, ambasciatore italiano in Congo ucciso in un attacco a un conv… - JosepBorrellF : Con tutti i ministri degli Esteri UE, abbiamo espresso la nostra vicinanza al ministro @luigidimaio e all’Italia pe… - matteosalvinimi : Una notizia terribile. (Zazoom Blog)

Se ne è parlato anche su altre testate

La polveriera del parco dei Virunga dove è stato ucciso l'ambasciatore italiano. Il parco dei Virunga, dove sono stati uccisi in un agguato l'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, è patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1979, decretato in pericolo dal 1994. (Rai News)

(LaPresse) – L’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, sono stati uccisi dopo esser stati colpiti da due proiettili ciascuno. È quanto emerge dai primi risultati dell’esame autoptico durato oltre 5 ore effettuato al Gemelli sui corpi delle due vittime uccise nel corso di un tentativo di sequestro il 22 febbraio in Congo (LaPresse)

Luogo unico per la sua biodiversità, è il posto in cui sono stati uccisi in un agguato l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e un autista. (Sky Tg24 )

La polveriera del parco del Virunga, dove è stato ucciso l'ambasciatore italiano

News. Il parco del Virunga, dove sono stati uccisi in un agguato l'ambasciatore Luca Attanasio e un carabiniere, è patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1979, decretato in pericolo dal 1994. Nel Virunga si è poi sviluppata un’altra attività altamente redditizia per i gruppi armati: il rapimento dei dipendenti delle Ong internazionali, ma anche di poveri contadini e soprattutto dei preti. (Metro)

“I gruppi armati cercano di sabotare le nostre azioni a favore delle popolazioni ma non ci scoraggiamo” aveva dichiarato al quotidiano francese ‘Le Monde’ il vice direttore del Virunga, Innocent Mburanumwe Oggi 800 agenti sono dispiegati nel parco del Virunga, ben equipaggiati e addestrati dalle forze belghe. (Metro)

A queste attività di contrabbando si aggiungono le tasse percepite illegalmente dai gruppi armati, sia i Mayi Mayi che le Forze democratiche di liberazione del Ruanda (Fdlr), imposte ai pescatori sulle sponde del Lago Eduardo. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr