Consiglio comunale a Courmayeur il 24 febbraio 2021 - bobine.tv

Consiglio comunale a Courmayeur il 24 febbraio 2021 - bobine.tv
Bobine.tv INTERNO

Sarà poi discusso il posticipo della seconda rata della Tari 2020 per le utenze non domestiche.…

Dopo la lettura e l'approvazione dei verbali della seduta precedente del 27 gennaio 2021, si procederà con l'elezione del presidente del Consiglio comunale.

Il Consiglio comunale di Courmayeur è convocato per mercoledì 24 febbraio 2021, alle ore 16, con 14 punti all'ordine del giorno.

(Bobine.tv)

Ne parlano anche altre testate

Rischia di allontanarsi in extremis la «zona bianca» per la Valle d'Aosta. Secondo indiscrezioni sulla bozza del rapporto settimanale di monitoraggio di ministero della Salute e Istituto superiore di sanità, i valori si avvicinano sì quelli richiesti per il passaggio allo scenario di rischio inferiore ma non abbastanza. (La Stampa)

Sono solo alcuni dei disagi e delle difficoltà che la situazione pandemica ha prodotto sulla salute e sul benessere delle persone. Il Progetto finanziato da: Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). (Valledaostaglocal.it)

“La zona bianca potrebbe essere una boccata d’ossigeno, ma dobbiamo essere tutti consapevoli che non sarebbe un traguardo stabile: la discesa dei contagi si è già arrestata, e dobbiamo sapere che la zona bianca potrebbe durare anche solo una o due settimane”. (AGIMEG)

Rinascimento VdA fuori dal coro della protesta impianti risalita; la Regione faccia invece di applaudire

La piccola regione alpina può quindi sperare di diventare la prima in Italia a entrare in zona bianca, che prevede la riapertura dei locali pubblici anche dopo le 18 così come di cinema, teatri e palestre. (LiberoReporter)

Risultano inoltre più di 43mila persone sottoposte a tampone e più di 75mila tamponi processati In attesa della possibile riclassificazione in zona bianca, che potrebbe essere decisa oggi, i numeri delle persone che in Valle d'Aosta attualmente sono positive al Covid19 riprendono a diminuire. (Aosta Oggi)

“Credo – sottolinea Giovannini - che una grossa fetta di responsabilità sulla situazione l’abbia anche la nostra politica regionale e che sia troppo comodo scaricare tutto su Roma. Rinascimento Valle d’Aosta canta fuori dal coro, prende posizione e sottolinea le responsabilità. (Valledaostaglocal.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr