Banca Mediolanum, Ennio Doris: 'per 50 anni investimento azionario penalizzato. C'è voluto Renzi per dare vita ai Pir'

Finanza.com ECONOMIA

I piani di accumulo sono uno strumento straordinario: combattono l'emotività".Al Corriere Doris ha detto: "Ho 81 anni.

Da presidente onorario potrò essere ancora utile, facendo le cose che mi piacciono di più e dedicandomi anche alla famiglia

Per 50 anni l'investimento azionario è stato penalizzato.

Così Ennio Doris in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, in cui commenta anche la decisione di dimettersi dalla presidenza di Banca Mediolanum (Finanza.com)

Ne parlano anche altre fonti

Un’azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. Massimo Antonio Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum «Ho la convinzione di aver cambiato l’approccio degli italiani verso il risparmio. (Corriere della Sera)

Il Cda ha preso atto delle dimissioni dalla carica di presidente e amministratore rassegnate, sottolineando come la sua sostituzione sarà oggetto di future deliberazioni. Doris detiene 46.693.070 diritti di voto (pari al 6,29%), di cui 23.563.070 che riguardano azioni della banca in piena proprietà e 23.130.000 come usufruttuario. (We Wealth)

C'è voluto Renzi, nel 2017, per dare vita ai Pir". Un'azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. (Finanzaonline.com)

Il Cda e il collegio sindacale hanno proposto la nomina di Doris a presidente onorario“. Ennio Doris ha rassegnato le dimissioni da presidente di Banca Mediolanum. (News Mondo)

"Si rende noto che il cda di Banca Mediolanum ha preso atto delle dimissioni dalla carica di presidente e amministratore rassegnate dal fondatore Ennio Doris". Il fondatore di Banca Mediolanum, Ennio Doris, ha così commentato a Radiocor la sua decisione di rassegnare le dimissioni dal gruppo da incarichi operativi (la Repubblica)

C'è voluto Renzi, nel 2017, per dare vita ai Pir". Un'azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. (Finanza.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr