Indice Pmi manifatturiero Eurozona sale a luglio a 62,8 ROMA

RagusaNews ECONOMIA

In Italia l'indice Pmi manifatturiero è calato a luglio a 60,3 punti da 62,2 di giugno, lievemente inferiore alle attese

'indice Pmi manifatturiero dell'Eurozona segna a luglio un leggero rialzo a 62,8 da 62,6 di giugno, superiore rispetto alle attese degli analisti che avevano previsto restasse stabile.

In Germania l'indice Pmi manifatturiero sale a 65,9 (da 65,6 di giugno), mentre in Francia cala leggermente a 58, da 58,1 di giugno e in Spagna scende a 59 (da 60,4 di giugno). (RagusaNews)

Su altre fonti

Continua la ripresa del settore manifatturiero italiano, anche se a ritmi più contenuti rispetto a quelli registrati nei mesi scorsi. Preoccupano i problemi della fornitura e l’inflazione. Il rallentamento dello slancio nella produzione è da attribuire alle interruzioni sulla catena di distribuzione. (Innovation Post)

"L'indagine di luglio pero' ha inoltre evidenziato ulteriori segnali che i manifatturieri e i loro fornitori stanno avendo difficolta' ad aumentare la loro produzione abbastanza velocemente da poter soddisfare la domanda, spingendo quindi i prezzi ancora piu' in alto", conclude la nota. (Borsa Italiana)

Il dato e' migliore della lettura flash di 52,2 diffusa il mese scorso. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 02 ago - La crescita della produzione industriale giapponese si e' consolidata a luglio a causa di una maggiore espansione della produzione e dei nuovi ordini spinti della ripresa dell'economia globale colpita dalla pandemia di coronavirus. (Borsa Italiana)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Le aziende hanno risposto assumendo personale aggiuntivo ad un tasso mai osservato in 24 anni di raccolta dati. A luglio, la combinazione tra la carente disponibilità di beni e gli ordini in continua crescita ha costretto le imprese ad attingere alle loro scorte (Business Community)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr