Continua a diminuire la popolazione in Italia: a Bergamo la speranza di vita si riduce di 4,3 anni

Continua a diminuire la popolazione in Italia: a Bergamo la speranza di vita si riduce di 4,3 anni
L'Eco di Bergamo INTERNO

La speranza di vita alla nascita, senza distinzione di genere, scende a 82 anni, ben 1,2 anni sotto il livello del 2019.

Continua a diminuire la popolazione in Italia: a Bergamo la speranza di vita si riduce di 4,3 anni Il report dell’Istat: pesa l’effetto della pandemia sulla nostra provincia: per gli uomini giù la speranza di vita di 4,3 anni.

Secondo un report dell’Istat, al 1° gennaio 2021 i residenti ammontano a 59 milioni 259 mila, 384 mila in meno su base annua. (L'Eco di Bergamo)

Se ne è parlato anche su altri giornali

A livello complessivo gli effetti sono evidenti: a fronte di appena 404mila nascite, quindi, vengono a mancare 342mila unità. La speranza di vita alla nascita, sia per uomini sia per donne, è scesa a 82 anni: quindi 1,2 anni sotto il livello registrato nel 2019, prima del Covid. (leggo.it)

Infatti, nei primi due mesi del 2020, in una fase antecedente alla diffusione del virus, i decessi sono stati 6.877 in meno rispetto agli stessi mesi del 2019. Un effetto indiretto ma immediato della pandemia si è già verificato riguardo ai processi di formazione delle coppie (Il Giorno)

POPOLAZIONE VALSASSINESE AL 31 GENNAIO 2021 3 Maggio 2021. VALSASSINA – Sono arrivati i primi dati demografici Istat (*) del 2021. (Valsassinanews)

In controtendenza rispetto al resto d'Italia, Trieste tra le 11 province dove aumentano le nascite

Le stesse due province, peraltro, trascinano la decrescita demografica della Regione rispettivamente con valori del -11,2 e 11,3 per mille. Oggi, secondo l’Istat, in Liguria ci sono 1.509.800 abitanti, di cui 816.900 in provincia di Genova e 268.800 in provincia di Savona. (IVG.it)

Secondo il Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata dell'Istituto Superiore di Sanità, nel corso del 2020 sono stati registrati 75.891 decessi attribuibili in via diretta al Covid-19. Lo rivela l'Istat nel suo rapporto sugli indicatori demografici 2020. (ilmessaggero.it)

Nel Mezzogiorno scende da 1,26 a 1,23 (1,34 nel 2008) mentre al Centro passa da 1,19 a 1,17 (1,39 nel 2008) Nel corso del 2020 sono stati registrati 75.891 decessi attribuibili in via diretta a Covid-19, secondo il Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata dell'Istituto Superiore di Sanità. (TriestePrima)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr