AstraZeneca e Pfizer, l'efficacia esatta sulla variante Delta: i dati

AstraZeneca e Pfizer, l'efficacia esatta sulla variante Delta: i dati
Virgilio Notizie SALUTE

“Queste stime – proseguono gli esperti – erano solo leggermente inferiori alla stima dell’efficacia del vaccino contro la variante Alfa.

AstraZeneca e Pfizer, l'efficacia esatta sulla variante Delta: i dati Uno studio condotto in Gran Bretagna e finanziato da Public Health England ha fatto chiarezza sull'efficacia dei vaccini contro la variante Delta. Lievissime differenze dopo aver completato il ciclo vaccinale con due dosi AstraZeneca e Pfizer per quel che riguarda l’efficacia dei vaccini anti Covid contro la variante Delta rispetto alla variante Alfa. (Virgilio Notizie)

Su altre fonti

"Nel complesso, abbiamo riscontrato alti livelli di efficacia del vaccino contro la malattia sintomatica con la variante Delta dopo la somministrazione di due dosi", evidenziano gli autori del lavoro. Dopo due dosi, "solo modeste differenze" nell'efficacia dei vaccini anti Covid contro la variante Delta di Sars-CoV-2 rispetto alla variante Alfa, "più marcate" dopo la sola prima dose. (Yahoo Finanza)

"Sono state notate solo differenze modeste nell'efficacia del vaccino con la variante Delta rispetto alla Alfa dopo le due dosi - scrivono gli autori nelle conclusioni - Dopo la doccia fredda dello studio israeliano che pochi giorni fa aveva ipotizzato una forte perdita di efficacia del vaccino Pfizer nell'evitare l'infezione dalla variante Delta del Sars-Cov-2, dati più rassicuranti vengono dalla Gran Bretagna (Ticinonline)

“L’open day prima dose – si legge in una nota – sara’ aperto a tutte le fasce d’eta’ ed il vaccino previsto e’ del tipo a mRNA (Pfizer) con seconda dose prevista a 21/35 giorni”. ______________________________. (Cronache della Campania)

Covid, studio: con 8 settimane tra le due dosi, Pfizer più efficace

“Questi dati supportano gli sforzi per massimizzare la diffusione della vaccinazione completa tra le popolazioni vulnerabili”, hanno sottolineato i ricercatori Due dosi di vaccino Pfizer, infatti, sono risultate efficaci all‘88% nel prevenire la malattia sintomatica, contro il 93,7% della Alfa. (QuiFinanza)

Roberto Ciavatta (Segretario di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale): “San Marino continua, con questo accordo, a fare il suo dovere per favorire la massima collaborazione in ambito sanitario. (Geronimo News)

Il Regno Unito inizialmente aveva esteso il divario tra le due dosi a 12 settimane, alla fine del 2020. Gli esperti affermano che i risultati supportano la decisione del Regno Unito di estendere l’intervallo tra le due dosi del vaccino dalla raccomandazione iniziale di tre settimane. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr