Perché l'inflazione è record in Germania e Regno Unito

Startmag Web magazine ECONOMIA

PERCHÉ IL REGNO UNITO È VULNERABILE SULL’ENERGIA. Il Regno Unito è particolarmente esposto alla crisi dei prezzi dell’energia che ha colpito tutta l’Europa, per due motivi principali.

COSA HA FATTO LA BANCA CENTRALE. L’inflazione, intanto, aumenta più velocemente degli stipendi (per il 2022 cresceranno del 4,5 per cento, si stima).

Il mese scorso, per la prima volta in tre anni, la Bank of England (la banca centrale del Regno Unito) ha aumentato i tassi di interesse. (Startmag Web magazine)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il mese scorso la BoE ha registrato il primo aumento dall’inizio della pandemia e potrebbe decidere nuovi rialzi il 3 febbraio. Con questo risultato, l’incontro di BoE di inizio febbraio sarà seguito con ancora maggiore attenzione: dopo il primo rialzo dei tassi, si proseguirà con un ulteriore aumento? (Money.it)

L’IPC annuale ha messo a segno una variazione del 5,4% rispetto alla precedente di 5,1% e a previsioni pari a 5,2% L’indice dei prezzi al consumo mensile ha mostrato un aumento dello 0,5% e si è confrontato con il precedente 0,7% e con attese a 0,3%. (Money.it)

Mercoledì 19 Gennaio 2022, 09:00. . . . (Teleborsa) - Frenano i prezzi alla produzione del Regno Unito nel mese di dicembre. A livello annuale, si è registrata una variazione positiva del 9,3%, contro il +9,4% del mese precedente (dato rivisto da +9,1%) ed il +9,4% del consensus. (ilmessaggero.it)

Oggi il rendimento del gilt britannico a 10 anni viaggia in rialzo di circa 5 punti base all'1,265% dopo aver toccato nelle ore precedenti l'1,3% Come negli altri Paesi avanzati, anche nel Regno Unito l'inflazione non accenna a fermarsi e sorprende al rialzo. (Milano Finanza)

*** E19: Eurostat, +0,4% inflazione a dicembre, +5% tendenziale. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 20 gen - A dicembre 2021 l'inflazione nella Eurozona e' salita dello 0,4% mensile mentre il tasso di inflazione annuo si e' attestato al 5%, rispetto al 4,9% di novembre. (Il Sole 24 ORE)

Su base mensile l'inflazione ha registrato un incremento dello 0,5%, inferiore al +0,7% del mese precedente e contro il +0,3% atteso degli analisti. Lo rileva l'Office for National Statistics (ONS), spiegando che su base annua i prezzi al consumo segnano una crescita del 5,4%, contro il +5,1% del mese precedente e il +5,2% del consensus. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr