Maxi incendio nella ditta dei rifiuti, fumo nero fino in centro a Sassari

Maxi incendio nella ditta dei rifiuti, fumo nero fino in centro a Sassari
Casteddu Online INTERNO

Sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco, polizia locale e polizia di stato, agenti forestali, in azione l’elicottero di stanza a Bosa.

Le strade attorno sono state chiuse al traffico, e anche i sindaci dei paesi vicini come Sennori o Sorso hanno chiesto ai cittadini di restare a casa

Il sindaco Nanni Campus ha emesso un’ordinanza per esortare la popolazione a chiudersi in casa e a non aprire le finestre, perché appunto il fumo dell’incendio si sta spostando verso il centro abitato. (Casteddu Online)

Ne parlano anche altri giornali

Sulla città si è innalzata una nube nera alta venti metri, la Procura ha aperto un'inchiesta. (Unioneonline/D) (L'Unione Sarda.it)

La Romangia, infatti, si trova sulla direttrice su cui il vento sta disperdendo la nube scura, in direzione di Osilo Il sindaco di Sassari, Nanni Campus, si è recato sul posto insieme al comandante della polizia locale, Gianni Serra, per coordinare la macchina della Protezione civile. (SardiniaPost)

Spenti gli ultimi focolai nel capannone Gesam di Sassari. Arrivano le prime “buone notizie” dallo stabilimento Gesam di Sassari, che da sabato pomeriggio continua a bruciare ininterrottamente. (Sassari Oggi)

Truncu Reale: il rogo spento quasi del tutto, ora si lavora per raffreddare la distesa di rifiuti

Cittadini invitati a chiudere le finestre. Sul posto anche i tecnici dell'Arpas per valutare le azioni da intraprendere rispetto al rischio diossina, che si sta sprigionando nell'aria a causa della combustione dei rifiuti. (ilmessaggero.it)

Diminuiti i fumi della combustione, proseguiranno per tutta la giornata le operazioni di spegnimento e raffreddamento (Sardegna Reporter)

Truncu Reale: il rogo spento quasi del tutto, ora si lavora per raffreddare la distesa di rifiuti. I vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la notte e finalmente stamani 8 agosto all’alba, dopo quasi due giorni, la situazione è apparsa sotto controllo. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr