"No a disparità dell'Europa su Alitalia"

ilGiornale.it ECONOMIA

Facendo riferimento proprio a questi casi e alle generose ricapitalizzazioni autorizzate, Giovannini raccomanda di evitare «disparità di trattamento».

Va tuttavia rilevato che anche nella fase dei ristori Covid la Commissione non è stata benevola nei confronti di Alitalia.

La stessa concorrenza che sta investendo ansiosamente sul mercato italiano trasformato dalla crisi Alitalia in terra di conquista

L'altra notizia positiva riguarda la trattativa con Bruxelles che «non è in stallo», ha assicurato il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini (ilGiornale.it)

Ne parlano anche altre testate

In apertura di terza parte, la lente d'ingrandimento sull'attualità e la politica del nostro Paolo Mieli. Continuano a ribollire le piazze italiane: mercatali, partite iva, ristoratori, operai, sono tante le categorie che sono scese in piazza anche ieri in diverse città d'Italia. (Radio 24)

Alitalia, sono arrivati i ristori che hanno permesso il pagamento al completo dell’ultimo stipendio. Ecco le date di pagamento. Alitalia, arrivano i ristori ma le polemiche non si fermano. Nel frattempo, però, continuano le polemiche per l’ondata di licenziamenti che non sta risparmiando nessuno in questo periodo. (Consumatore.com)

“Non possiamo accettare una disparità di trattamento da parte della Commissione, alla luce delle recenti decisioni assunte riguardo Air France” e anche “Luftahnsa”, ha fatto notare Giovannini. Intanto ieri il Governo ha avvertito Bruxelles che non accetterà “disparità” di trattamento dopo il caso Air France. (Travelnostop.com)

«Il Governo è intenzionato a fare molto presto per consentire anche di sfruttare la fase delle ripartenze non solo in Italia a seguito delle campagne vaccinali». Nelle intenzioni del Governo c’è la volontà di assicurare un vettore solido e con buone prospettive economiche buone, oltre che «un vettore che sia successivamente in grado di fare alleanze» (varesenews.it)

La seconda tranche degli stipendi,. La crisi Alitalia torna a infiammare Linate, con una nuova giornata di proteste e circa 150 lavoratori che si sono radunati davanti allo scalo con bandiere e striscioni in attesa di risposte da Roma. (IL GIORNO)

I nodi da sciogliere riguardano il marchio Alitalia, il numero di slot a Milano Linate, l'handling e manutenzione e il programma fedeltà MilleMiglia "I lavoratori di Alitalia chiedono a Draghi una risposta, un intervento autorevole che sia in linea con l'autorevolezza che il Parlamento ha riconosciuto al Premier Italiano. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr