Tokyo 2020, ritrovato il sollevatore di pesi ugandese: fuggiva per un futuro migliore

Tokyo 2020, ritrovato il sollevatore di pesi ugandese: fuggiva per un futuro migliore
Altri dettagli:
la Repubblica SPORT

Ssekitoleko e il suo allenatore sarebbero dovuti tornare in Uganda questa settimana, dopo aver perso il posto per i Giochi di Tokyo.

In Giappone cercava un futuro migliore, ma la sua fuga è durata pochi giorni e solo qualche centinaio di chilometri.

Julius Ssekitoleko, il sollevatore di pesi ugandese che lo scorso 16 luglio aveva fatto perdere le proprie tracce, è stato ritrovato dalle forze dell'ordine a Yokkaichi, nella prefettura centrale di Mie, regione di Kansai (la Repubblica)

Su altre testate

10) Uguaglianza di genere. Tokyo 2020 compie un ulteriore passo avanti rispetto alle precedenti edizioni, introducendo innovazioni giovanili e urbane e migliorando significativamente l’uguaglianza di genere Per cui, anche se i Giochi di Tokyo saranno di fatto nell’estate del 2021, la loro denominazione sarà considerata Tokyo 2020. (IL GIORNO)

A cura di Valerio Albertini. Gli atleti italiani alle Olimpiadi 2021: Jessica Rossi ed Elia Viviani portabandiera azzurri. Ecco tutti gli atleti e le atlete italiane che rappresenteranno il nostro Paese alle Olimpiadi di Tokyo 2020 (Sport Fanpage)

In precedenza il Simon Wiesenthal Center aveva condannato quelle che ha definito barzellette antisemite di Kobayashi. «Qualsiasi persona, per quanto creativa, non ha il diritto di deridere le vittime del genocidio nazista. (Open)

LIVE Olimpiadi Caccia all’orso nella sede olimpica di Fukushima. Oggi via al calcio donne

Ma non in Giappone, che sta diventando invece l’avamposto della quinta ondata pandemica, e la quarta non era neanche finita. Martedì gli italiani chiedevano conferme della positività dei calciatori sudafricani ai media, «così almeno gli stiamo ancora più lontani» (Corriere della Sera)

Qualora il dubbio o la positività venissero evidenziati anche una seconda volta, si procederebbe con un tampone naso-faringeo molecolare «Finalmente abbiamo raggiunto l’albergo dove siamo letteralmente blindati: non si può uscire dall’albergo se non per determinati motivi e quindi con autorizzazione. (TUTTOBICIWEB.it)

Italo Ferreira, che assieme al connazionale Gabriel Medina (grande amico di Neymar) è uno dei favoriti per il podio della gara di surf maschile, ha dovuto saltare i primi giorni di allenamento perché la sua tavola non è arrivata all’aeroporto di Tokyo, per lo sconforto dell’atleta. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr