Coronavirus, l’accusa dell’INPS alla Protezione Civile: mancano circa 20.000 morti

Coronavirus, l’accusa dell’INPS alla Protezione Civile: mancano circa 20.000 morti
NewNotizie NewNotizie (Interno)

I dati quotidianamente diramati dalla Protezione Civile sono sempre più positivi.

L’INPS si domanda: “Quali sono i motivi di un ulteriore aumento di decessi pari a 18.971, di cui 18.412 tutti al Nord?

Ma è sul numero dei morti che l’INPS muove un’accusa alla Protezione Civile in un documento riportato da diversi media online.

La notizia riportata su altri media

Ma, a stare a sentire l’Inps, quella che stiamo vivendo da tre mesi a questa parte è una vera catastrofe. Ed è proprio nei domicili e tra le persone mai sottoposte ad un tampone dove, secondo l’Inps, si starebbe consumando un massacro parallelo a quello ufficiale. (La Legge per Tutti)

In Italia il totale delle persone che hanno contratto il coronavirus è di 228.006,Il numero totale di attualmente positivi è di 60.960, con una decrescita di 1.792 assistiti rispetto a ieri. 9.269 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 355 pazienti rispetto a ieri. (Gazzetta del Sud - Edizione Cosenza)

Il numero di decessi odierno si attesta a quota 130 per un totale di 32.616. [videoskysingle id="593716" zoneid="8257" ]. (GianlucaDiMarzio.com)

Quanto alle classi d'età, la diminuzione più forte si era registrata fra 0 e 49 anni (-13%), poi 60-69 anni (-12%), 70-79 anni (-10%), 80-89 anni (-9%), 50-59 anni e da 90 anni in su (-4%). Coronavirus. (CalcioNapoli24)

Dopo gli adulti, anche i bambini e gli anziani saranno arruolati nei test per il vaccino contro il Covid-19, che sta sviluppando l'università di Oxford in collaborazione con l'azienda italiana Irbm di Pomezia (Sky Tg24 )

Decessi dovuti al coronavirus che sarebbero sfuggiti alle stime quotidiane della Protezione civile «ormai poco attendibili» secondo l’Istituto di previdenza. Poi c’è stata un’inversione di tendenza: i morti tra marzo e aprile sono arrivati a 156.429, ovvero 46.909 in più rispetto alle attese. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti