Afghanistan, sfilata di propaganda con donne e bambine velate: 'Noi restiamo per costruire la nostra patria'

Afghanistan, sfilata di propaganda con donne e bambine velate: 'Noi restiamo per costruire la nostra patria'
Altri dettagli:
Video - La Stampa ESTERI

In tutto il paese sono vietate le manifestazioni, ma è evidente la natura propagandistica di questa: "Le donne che hanno lasciato l'Afghanistan non possono rappresentarci", gridano le circa 300 manifestanti coperte completamente dall'abaya e dal niqab.come loro anche diverse bambine.

Nelle immagini si vedono le donne scortate anche dalle forze di sicurezza talebane che tengono lontani i giornalisti e i cittadini di Kabul

Afghanistan, sfilata di propaganda con donne e bambine velate: "Noi restiamo per costruire la nostra patria". (Video - La Stampa)

Se ne è parlato anche su altre testate

Le donne hanno sventolato le bandiere dei nuovi padroni dell'Afghanistan mentre ascoltavano gli interventi a favore del governo. Secondo un'altra donna, Somaiya, le cose sono cambiate per il meglio dal ritorno dei talebani (Ticinonline)

Credo ancora che la risposta militare fosse giustificata, ma oggi lo riconosco: non fu pianificata adeguatamente All'epoca la sostenni come "guerra giusta". (La Repubblica)

Vestite di nero da capo a piedi, con il volto coperto e sventolando la bandiera dei Talebani, che hanno autorizzato la manifestazione a differenza di quanto successo nei giorni scorsi per le proteste contro i militanti, le donne avevano con sé cartelloni sui quali hanno inneggiato al nuovo governo e definito positiva la separazione dagli uomini nelle classi A Kabul, tra militanti islamici armati di fucili e mitragliatrici, hanno manifestato oggi circa 300 donne, dapprima in una sala dell'università della capitale poi in strada. (Adnkronos)

Esistono anche le donne afghane filo-talebane

La bandiera è stata issata ieri e i talebani hanno anche dipinto la sua immagine sul muro dell'edificio dell'ambasciata Usa. Le commemorazioni sono in corso negli Stati Uniti (Corriere TV)

Il primo collegamento è previsto per lunedì prossimo da Islamabad. Sarà la compagnia aerea pachistana PIA la prima a volare a Kabul dopo l’ascesa dei talebani al potere in Afghanistan: lo ha annunciato oggi un portavoce della società, Abdullah Hafeez Khan. (Ticinonews.ch)

Ma ci sono anche altre donne, che invece sostengono il governo Talebano. Siamo abituati a vedere le manifestazioni delle donne afghane che chiedono libertà quella a cui erano abituate negli ultimi venti anni e che ora viene attentata dal nuovo Governo talebano. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr