Stop ad AstraZeneca sotto i 60 anni, anche per i richiami

Stop ad AstraZeneca sotto i 60 anni, anche per i richiami
Approfondimenti:
PMI.it ECONOMIA

Ormai da tempo gli under 60 ricevono preferibilmente i vaccini Pfizer o Moderna, ma non c’era una specifica esclusione.

Tuttavia «considerata la disponibilità di piattaforme alternative, e ispirandosi alla massima cautela», ora la seconda dose con lo stesso vaccino verrà effettuata solo sopra i 60 anni

Il vaccino AstraZeneca solo a chi ha più di 60 anni.

Ora invece non verranno più effettuate somministrazioni di AstraZeneca agli under 60. (PMI.it)

Su altre testate

Il Cts ha chiaramente raccomandato per quel che riguarda le prime dosi di vaccinazione di riservare il vaccino AstraZeneca per coloro che abbiano l’età uguale o superiore ai 60 anni, riservando sotto i 60 anni la raccomandazione per i vaccini a Rna”. (Qui News Valdichiana)

All’esito di una valutazione scrupolosa il Cts ha raccomandato per le prime dosi di riservare Astrazeneca a chi ha un’età superiore ai 60 anni, raccomandando sotto i 60 anni i vaccini Rna”. Locatelli poi ha indicato l’uso di Pfizer o Moderna per il richiamo alle persone sotto i 60 anni (LaPresse)

Comunque “si è deciso di dare una raccomandazione per una seconda dose dello stesso vaccino per i soggetti oltre i 60 anni di età mentre per coloro che hanno meno di 60 anni di età, pure in assenza di segnali di allerta preoccupanti rispetto allo sviluppo di queste patologie correlate, di raccomandare l’ipotesi della vaccinazione eterologa con una diversa tipologia di vaccino”, ha aggiunto “Per quanto riguarda la seconda dose dei soggetti che hanno già ricevuto AstraZeneca, l’indicazione è riassumibile nel seguente contesto: tutti i dati disponibili indicano che i fenomeni trombotici dopo la seconda dose sono straordinariamente rari, nel Paese non vi sono riportati oggi casi di trombosi venosa associata ad abbassamento delle piastrine dopo la seconda dose”, ha spiegato. (Qui News Versilia)

Stop AstraZeneca under 60: richiami con Pfizer o Moderna

Questa appare la linea che dovranno recepire le singole Regioni e che lascia molte perplessità, soprattutto in queste ore visto che nel frattempo i molisani che devono effettuare la seconda dose continuano a recarsi nei punti vaccinali in base al giorno prestabilito. (Molise Tabloid)

Lo ha detto Franco Locatelli, coordinatore del Cts, nel corso della conferenza stampa di aggiornamento sulla campagna vaccinale e sull’andamento epidemiologico. (latinaoggi.eu)

Chi ha meno di 60 anni e ha già fatto una dose del siero a vettore virale farà la seconda con Pfizer o Moderna (Genova3000)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr