SCOMMESSE ILLEGALI: ARRESTI ANCHE IN BASILICATA

SCOMMESSE ILLEGALI: ARRESTI ANCHE IN BASILICATA
Approfondimenti:
Cronache TV INTERNO

L’organizzazione, secondo gli inquirenti, aveva un giro d’affari da 5 miliardi di euro.

Fai clic qui per stampare (Si apre in una nuova finestra). Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra). Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra). Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra). Fai clic per condividere su Telegram (Si apre in una nuova finestra). (Cronache TV)

Su altre fonti

uesta mattina, nelle province di Salerno, Ascoli Piceno, Agrigento, Avellino, Brindisi, Caserta, Catanzaro, Latina, Lecce, L’Aquila, Messina, Napoli, Potenza, Ravenna, Roma, Varese e in diversi stati esteri, in particolare Panama, Romania e Malta, militari del Comando (Il Meridiano News)

I server, secondo i militari del Nucleo Investigativo di Salerno, sebbene coordinati dal Salernitano, precisamente da Mercato San Severino, erano stati dislocati nei cosiddetti paradisi fiscali, come Panama e l’isola di Curacao. (Il Capoluogo)

Il sistema e gli investimenti immobiliari di Cirillo a Panama. Scommesse, casinò e poker Texas hold’em sono alcuni dei giochi che, secondo la ricostruzione investigativa, sarebbero stati programmati ed eseguiti abusivamente associandosi alla rete “dbgpoker”. (Corriere della Calabria)

Scommesse illegali, il sistema del figlio del boss: I nomi dei 72 indagati

In due anni avrebbero incassato 5 miliardi di euro: figurano anche persone ritenute dagli inquirenti della Procura di Salerno (guidata dal procuratore Giuseppe Borrelli) legate al clan dei Casalesi tra i 33 soggetti ai quali i carabinieri hanno notificato altrettante misure cautelari nell'ambito del (Redazione Jamma)

Poi, la consistente quota parte sarebbe andata nelle casse del casinò, livello apicale e amministratore globale. Il sistema e gli investimenti immobiliari di Cirillo a Panama. Scommesse, casinò e poker Texas hold’em sono alcuni dei giochi che, secondo la ricostruzione investigativa, sarebbero stati programmati ed eseguiti abusivamente associandosi alla rete “dbgpoker”. (Zoom24.it)

I server, secondo i militari del Nucleo Investigativo di Salerno, sebbene coordinati dal Salernitano, precisamente da Mercato San Severino, erano stati dislocati nei cosiddetti paradisi fiscali, come Panama e l’isola di Curacao. (Cronache della Campania)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr