Vaiolo delle scimmie: salgono a cinque i casi in Italia

Today.it INTERNO

Vaiolo delle scimmie: sintomi e durata della malattia. Ma quali sono i sintomi più comuni?

Come riporta l'Ecdc, negli esseri umani il vaiolo delle scimmie si manifesta in maniera più lieve rispetto al vaiolo.

Come distinguere il vaiolo delle scimmie dal vaiolo?

Salgono a cinque i casi di vaiolo delle scimmie (Monkeypox) registrati in Italia.

Sempre dallo Spallanzani comunicano che è stata completata "la prima fase dell'analisi della sequenza del Dna del Monkeypox virus dei primi tre casi di vaiolo delle scimmie osservati in Italia e seguiti presso l'Istituto romano". (Today.it)

Ne parlano anche altri media

Dopo 21 giorni il soggetto è considerato non più a rischio – “Nel Lazio ci sono 15 persone in isolamento mentre i casi restano tre e si tratta di tre persone ricoverate allo Spallanzani in buone condizioni cliniche”. (Imola Oggi)

Secondo l’ex direttore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, al momento, «non avrebbe nessun senso tornare al vaccino anti-vaioloso, non serve ora». Ricostruendo la catena dei contatti dei casi accertati, secondo Galli «si dovrebbe chiudere la vicenda in un tempo ragionevole e mi auguro davvero che sia così». (Open)

Il virus sembra molto simile a quello che aveva causato dei casi in vari paesi tra cui la Gran Bretagna, Singapore e Israele nel 2018-19. La maggior parte dei casi attuali di vaiolo delle scimmie in Europa "si è presentata con sintomi di malattia lievi e, per la popolazione più ampia, la probabilità di diffusione è molto bassa". (L'Unione Sarda.it)

Pubblicità. «La malattia - aggiunge - si manifesta con febbre, aumento dei linfonodi, dolori diffusi, stanchezza e manifestazioni cutanee con vescicole, pustole e piccole croste. «Bisogna fornire precise indicazioni sull'andamento dell’epidemia e sulle misure di prevenzione da mettere in campo». (La Sicilia)

Al momento non ci sono nuovi casi, ma questo è un fenomeno atteso quando si parla di malattie emergenziali, e le persone si suggestionano", continua Andreoni. Noi consideriamo questo genere di patologie quando il contagio avviene prevalentemente attraverso la via sessuale e questo non è il caso del vaiolo delle scimmie che si trasmette per contatti stretti tra persone o per via aerea con le goccioline di saliva. (Adnkronos)

I ricercatori dello Spallanzani hanno completato la prima fase dell’analisi della sequenza del DNA del Monkeypox virus dei primi tre casi di vaiolo delle scimmie osservati in Italia e seguiti presso l’Istituto romano Tre pazienti sono ricoverati a Roma, uno ad Arezzo, e il quinto è seguito nella capitale a domicilio. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr