Lettera dei lavoratori dello spettacolo a Draghi: “Prenditi cura e cambia il nostro settore”

Lettera dei lavoratori dello spettacolo a Draghi: “Prenditi cura e cambia il nostro settore”
LaPresse INTERNO

Serve un dialogo vero con le istituzioni e che ci siano tutele vere per garantire il nostro lavoro” hanno aggiunto

Corteo per le strade di Roma: "Servono tutele". Alcune centinaia di lavoratori dello spettacolo e della cultura hanno attraversato il centro di Roma in un corteo che, partito dal Teatro Argentina ha raggiunto piazza di Montecitorio per portare una lettera simbolica al neo presidente del Consiglio, Mario Draghi. (LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

Ma fino a quando potrebbe essere prorogato il divieto di spostamento tra regioni? Bologna, 21 febbraio 2021 - Conto alla rovescia per il 25 febbraio, giorno in cui scade il divieto di spostamento tra le regioni (anche gialle). (Il Resto del Carlino)

Centinaia di persone alla manifestazione: "Scendiamo nelle piazze e dimostriamo di essere cittadini". (LaPresse) Alcune centinaia di persone si stanno radunando in questi minuti a Genova, in piazza De Ferrari, per protestare contro le restrizioni anti Covid. (LaPresse)

Al momento la proroga sembra essere probabile. Puntare su un allentamento delle misure restrittive in questo periodo potrebbe infatti essere deleterio in tempi brevi e portare a una crescita maggiore dei casi di positività. (AutoMotoriNews)

Bologna, i lavoratori dello spettacolo in presidio: “Chiediamo ripartenza vera”

E’ quanto confermano rumors, da fonti istituzionali, secondo i quali, nonostante non ci sia ancora una data precisa, sia la mobilità tra le regioni, che scadrà il prossimo 25 febbraio, sia le visite a parenti ed amici senza restrizioni dovrebbe essere prorogato di altri 30 giorni (AGIMEG)

“In considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica”, si legge nella nota di palazzo Chigi, viene prolungato al 27 marzo lo stop agli spostamenti tra Regioni e province autonome. Sempre fino al 27 marzo, nelle zone rosse, non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute. (LaPresse)

Lo dice Cecilia Muraro, rappresentate di Adl Cobas alla manifestazione dei lavoratori dello spettacolo che si è tenuta a Bologna questo pomeriggio.”Non deve essere una falsa partenza come quella dell’estate o una ripartenza dove c’è ancora lavoro nero o lavoratori sfruttati”, aggiunge Muraro che poi conclude: “Siamo qui per chiedere un tavolo vero di riforma per lo spettacolo, uno dove non ci sia solo Franceschini, ma anche il Mise e il ministero del Lavoro: parliamo di lavoro nella cultura”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr