Peste suina a Roma, i cinghiali verranno catturati e abbattuti

Fanpage.it INTERNO

A cura di Alessia Rabbai. Un'ordinanza che arriverà a breve darà il via ufficiale all'inizio degli abbattimenti dei cinghiali a Roma.

Peste suina a Roma, i cinghiali verranno catturati e abbattuti Abbattimenti selettivi per contenere il numero degli esemplari e la diffusione del virus della peste suina africana.

Ieri è stato accertato il quarto caso di peste suina africana in una delle carcasse rinvenute e riconducibili sempre alla Riserva naturale dell'Insugherata

La posizione delle istituzioni rispetto alle misure da mettere in atto per la diffusione della peste suina che prevedono l'abbattimento dei cinghiali hanno suscitato le critiche delle associazioni animaliste. (Fanpage.it)

Se ne è parlato anche su altri media

La zona rossa è stata conseguentemente allargata, ma il contenimento risulta sempre più complesso e l'abbattimento rimane l'unica risorsa Si partirà dunque dalla Riserva dell'Insugherata, dov'è stato registrato il primo caso nella città, procedendo poi nelle zone limitrofe in base alle segnalazioni. (METEO.IT)

Lunedì sarò in Piemonte e proviamo a chiudere il cerchio», ha detto il sottosegretario Costa che ha la delega alla peste suina, sottolineando che il provvedimento «contiene disposizioni atte ad eradicare il virus Se, infatti, facessimo il report di tutti gli incidenti stradali causati dai cinghiali emergerebbe un elenco infinito. (ilmessaggero.it)

Ma la priorità è proprio stabilire i confini della zona rossa. Ha chiesto altre 24 ore di tempo per stabilire il piano di depopolamento della zona rossa individuata all’interno dell’area verde che si allarga per 740 ettari. (ilmessaggero.it)

Il quadro è in continua evoluzione, prima di adottare provvedimenti, aspettiamo che si stabilizzi». Il decorso dell’infezione, che crea gravi emorragie interne, è in media di sette-otto giorni». (Corriere Roma)

Dall’Istituto Zooprofilattico confermano che i casi positivi sono sei tutti riferiti alla stessa area”. Così l’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato (Agenzia askanews)

Ad ogni modo il vero problema, secondo il sottosegretario alla Salute, è “l’eccessiva presenza di cinghiali sul nostro territorio. (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr