Viaggi, verso addio al tampone per gli arrivi dall'estero: la mossa per il turismo

ilmessaggero.it INTERNO

Viaggi, apertura. Al Ministero della Salute l’orientamento è di non prorogare questo obbligo dopo il 31 gennaio, riaprendo ai viaggi anche senza test antigenico o molecolare, ma applicando le regole del Green pass.

E questo vale anche per chi ha il Green pass, per chi è stato vaccinato con la terza dose.

Torna la domanda: ci sarà il via libera in Italia dal primo febbraio ai viaggi senza tampone all’interno dell’Unione europea?

E solo a Roma hanno chiuso altri 50 hotel nell’ultimo mese, ormai sono 400 quelli che si sono arresi». (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altri media

L’imposizione di misure come la necessità di presentare un test negativo o le quarantene non dipenderà più dalla provenienza geografica del viaggiatore, ma dallo stato del suo certificato Covid. La mappa di incidenza che raccoglie i casi degli ultimi 14 giorni, predisposta dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie e che finora ha determinato le possibilità di spostamento, continuerà ad essere aggiornata settimanalmente, ma avrà un carattere meramente informativo. (Come Don Chisciotte)

Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta a ‘Che tempo che fa’ su Rai3, aggiungendo che “sarà uno dei temi di cui parlerò domani con Salvini” (LaPresse)

Milano, 23 gen. (LaPresse) – “Sono ottimista e convinto che nelle prossime 48-72 ore le forze politiche daranno il meglio di loro stesse” per trovare un nome condiviso per il Quirinale”. Così il segretario del Pd Enrico Letta a ‘Che tempo che fa’ su Rai3 aggiungendo che “oggi per il centrodestra è stata una giornata dura”. (LaPresse)

Le restrizioni non saranno più legate all’aerea di arrivo ma alla situazione del viaggiatore, cioè vaccinazione, guarigione o test (sempre 72 ore per i molecolari, 24 e non oltre 48 per gli antigenici). (MeteoWeb)

Il suggerimento della Ue era quello di non sottoporre i viaggiatori vaccinati a tali restrizioni. Per chi arrivava dalle zone arancioni o rosse si consigliava di richiedere un test negativo. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Queste problematiche sono state prese in esame dal Governo che in queste ore starebbe valutando il da farsi. (Centro Meteo italiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr