Enola Holmes, le emozioni sotto copyright di Sherlock Holmes

Enola Holmes, le emozioni sotto copyright di Sherlock Holmes
IGN Italia IGN Italia (Cultura e spettacolo)

In altre parole, le storie appartenenti alla compagnia sono quelle in cui Sherlock Holmes mostra il suo lato più umano, anche in seguito alla scomparsa del figlio e del fratello.

Enola Holmes, prossimo film in arrivo su Netflix basato sulla serie di libri scritti da Nancy Springer, è stato citato in guidizio dalla Conan Doyle Estate per violazione del copyright e dei marchi registrati.

Se ne è parlato anche su altre testate

Premium Cinema – Harry Potter e i doni della morte: Parte 1, Harry Potter è ormai il simbolo della speranza del mondo magico buono di fronte all’avanzata di Lord Voldemort e dei suoi Mangiamorte. (TvZoom)

La maggior parte dei romanzi originali di Sherlock Holmes sono ormai di dominio pubblico dato il tempo passato dalla loro pubblicazione, ma gli eredi di Doyle si rifanno al lavoro più recente di Doyle, pubblicato negli anni '20. (Il Messaggero)

La piattaforma di streaming è al centro di una causa legale intentata dagli eredi Sir Arthur Conan Doyle (1859-1930), il creatore di Sherlock Holmes, e autore di tutti i romanzi dedicati al celeberrimo investigatore. (Tv Fanpage)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Enola Holmes, Netflix prende una decisione importante. Netflix chiude? Enola Holmes, l’attesissimo film rischia di non vedere la luce: gli eredi di A. (YouMovies)

Gli eredi di Sir Arthur Conand Doyle, ideatore di Sherlock Holmes, hanno fatto causa a Netflix a causa della personalità dell'investigatore in Enola Holmes. Sebbene nel 2014 la Conan Doyle Estate avesse perso quasi la totalità dei diritti su Sherlock Holmes, rendendolo personaggio di pubblico dominio, alcuni elementi originali delle storie scritte tra il 1923 e il 1927 sarebbero ancora coperti da copyright. (LaScimmiaPensa.com)

La maggior parte dei romanzi originali di Sherlock Holmes sono ormai di dominio pubblico dato il tempo passato dalla loro pubblicazione, ma gli eredi di Doyle si rifanno al lavoro più recente di Doyle, pubblicato negli anni '20. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti