Djokovic cacciato dall’Australia. Cancellato il visto, la bolgia continua

Ubi Tennis SPORT

“La Serbia combatterà per Novak Djokovic, la giustizia e la verità” ha poi continuato il presidente.

Con lui era presente anche il suo coach Goran Ivanisevic.

Gli avvocati del n. 1 del mondo hanno inoltrato immediatamente un appello formale contro la decisione dell’Australian Border Force, e quindi la faccenda sicuramente non si concluderà qui.

Il N.1 del mondo Novak Djokovic che aveva ricevuto nella giornata di martedì un’esenzione medica per giocare l’Australian Open 2022, è stato respinto all’aeroporto di Melbourne per un’irregolarità del visto di ingresso e dunque sarà costretto a tornare a casa con il primo volo disponibile. (Ubi Tennis)

Se ne è parlato anche su altri giornali

We will not be providing Novak Djokovic with individual visa application support to participate in the 2022 Australian Open Grand Slam Non forniremo a Novak Djokovic supporto per la richiesta di visto individuale per partecipare all’Australian Open 2022″. (OA Sport)

Jaala Pulford, ministra dello sport ad interim dello Stato di Victoria, è stata perentoria. 5 Gennaio 2022. La lunga notte di Novak Djokovic. Una lunga notte per Novak Djokovic, bloccato all’aeroporto di Melbourne (Sportal)

E sono due australiani, Ash Barty e Jordan Thompson, a fare da portavoce alla frustrazione del popolo aussie. JORDAN THOMPSON “Non ho molto da dire sul caso Djokovic. (SuperTennis)

Djokovic non ha mai fatto chiarezza sul proprio stato vaccinale e, ad aprile dello scorso anno, si era espresso contro la vaccinazione obbligatoria. Novak Djokovic (Photo by Oscar Gonzalez/NurPhoto via Getty Images). (Yahoo Eurosport IT)

Novak Djokovic è attualmentet rattenuto all'aeroporto, isolato in una stanza senza accesso al suo cellulare e incapace di parlare con i gli uomini della sua squadra, ed è addirittura sorvegliato da due uomini della sicurezza". (Tennis World Italia)

Lo Stato di Victoria ha bloccato la richiesta d'accesso nel paese e ora la decisione passa al governo federale. Questo errore del suo entourage, però, si è ben presto trasformato in un caso diplomatico che rischia di estrometterlo clamorosamente dagli Australian Open (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr