Borse, Fugnoli: "Correzione possibile, ma il mercato è solido"

FIRSTonline ECONOMIA

Questo insieme di condizioni, prosegue l’analista, “ha iniziato a produrre una correzione che potrebbe prolungarsi con fasi alterne per tutta l’estate.

Se questi fattori negativi giustificano una correzione, non vanno però dimenticati i fattori che dovrebbero prima contenerla e poi permettere un recupero nei prossimi mesi.

Lo afferma Alessandro Fugnoli, strategist di Kairos, nell’ultimo episodio del podcast mensile “Al quarto piano”. (FIRSTonline)

La notizia riportata su altri giornali

Le azioni statunitensi sono leggermente aumentate lunedì, fissanfo nuovi massimi di chiusura in vista di una settimana intensa di guadagni dalle società tecnologiche. Il ha chiuso a 35144,31, dopo che l'indice delle blue chip di venerdì ha chiuso per la prima volta sopra il traguardo di 35000. (Investing.com)

Azionario americano appeso ai T-Bond. Il reflation trade spiega solo in parte la correlazione tra azionario e rendimenti dei T-bond, che storicamente non anticipano l’inflazione, ma la inseguono. Continua a leggere. (Yahoo Finanza)

Una spiegazione offerta è il ritorno del ‘reflation trade’ vale a dire gli investitori che chiedono rendimenti più alti perché economia e inflazione corrono più del previsto. Per queste ultime infatti il costo del denaro è come il prezzo del per i petroliferi, più sale e più aumentano i margini. (Investing.com)

S/Staff. (Reuters) - L'azionario europeo ritraccia dai massimi storici dopo che i timori relativi a nuove misure di regolamentazione in Cina hanno spinto al ribasso Shanghai, mentre il settore dell'auto è in calo dopo aver mostrato dati solidi la scorsa settimana. (Investing.com)

Infine, conclude Fugnoli, “non va dimenticato che la correzione provoca un riequilibrio dei portafogli, doloroso da una parte, ma dall’altra condizione per una ripresa meno speculativa A questo bisogna aggiungere l’accelerazione della pandemia e il posizionamento sbilanciato al rialzo di una parte del mercato azionario”. (Notizie - MSN Italia)

Borse Sindrome cinese sui mercati. Condividi. di Paolo Gila La mossa di Pechino che ha avviato restrizioni su alcuni comparti come l’high-Tech e l’istruzione ha depresso i mercati asiatici nella notte e ha scosso sin dalla mattinata anche le borse europee. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr