Tassi, la Bce verso nuovi rialzi. “Pesano inflazione e guerra” (La Repubblica)

Tassi, la Bce verso nuovi rialzi. “Pesano inflazione e guerra” (La Repubblica)
SoldiOnline.it ECONOMIA

La BCE si muove anche per riportare l’inflazione entro la soglia del 2% nel medio termine e scongiurare le peggiori prospettive per il 2022 evocate dalle interruzioni nelle catene di produzione e dalla guerra della Russia in Ucraina

(SoldiOnline.it)

La notizia riportata su altre testate

"Negli ultimi giorni del periodo di riferimento (9-20 luglio, ndr) i differenziali di rendimento dei titoli di Stato dell'area dell'euro sono tornati su livelli più elevati, con l'evolversi della crisi politica in Italia". (la Repubblica)

Allo stesso tempo, tale rallentamento è attenuato da una serie di fattori favorevoli. I dati più recenti indicano un rallentamento della crescita che getta delle ombre sulle prospettive per la seconda metà del 2022 e oltre. (Gazzetta di Parma)

***Bce: evoluzione futura tassi dipendera' da dati, decisioni di volta in volta. Tpi assicurera' efficace trasmissione politica monetaria (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 04 ago - Aver anticipato l'uscita dai tassi di interesse negativi consente al Consiglio direttivo di passare a un approccio in cui le decisioni sui tassi vengono prese volta per volta. (Il Sole 24 ORE)

Mercati europei positivi. Focus su trimestrali e BoE

La Bce ha confermato la sua strategia nel bollettino economico: i tassi saranno ancora in rialzo nella prossima riunione, mentre le prospettive economiche si offuscano, soprattutto nel breve termine. Forte dell’approccio graduale e riunione per riunione, in attenta osservazione dei dati, la Bce proseguirà nella sua strategia contro l’inflazione, pur non avendo anticipato l’entità dell’aumento. (Money.it)

Il Consiglio direttivo resta comunque pronto ad adeguare tutti gli strumenti nell'ambito del suo mandato per assicurare che l'inflazione si stabilizzi sull'obiettivo del 2% nel medio termine Salvaguardando il meccanismo di trasmissione, il Tpi consentirá al Consiglio direttivo di adempiere piú efficacemente il mandato di preservare la stabilitá dei prezzi. (Italia Oggi)

L'continua la sessione in rialzo e avanza a quota 1.782,1 dollari l'oncia. Il Bollettino economico della BCE ha invece evidenziato che "l'attività economica nell'area dell'euro sta rallentando" e che la guerra in Ucraina "rappresenta un persistente freno alla crescita". (Finanza Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr