Il vaccino anti Covid presto nelle farmacie e dai medici di famiglia

NewsSalute.it SALUTE

Infatti, da quanto è stato stabilito dalla struttura commissariale di Francesco Figliuolo, ben presto si passerà alla somministrazione del vaccino anche presso le farmacie e dai medici di medicina generale che svolgono la funzione di medici di base

La situazione che si delinea per i vaccini in Italia. Ancora sono 8,4 milioni gli italiani che non hanno compiuto il primo ciclo della vaccinazione anti Covid. (NewsSalute.it)

Su altre fonti

Le persone con elevata fragilità verranno convocate direttamente dalle aziende sanitarie regionali In Piemonte – la platea è di 665.000 persone che hanno già concluso il primo ciclo vaccinale – il via alla terza dose per gli over 60 scatterà dal prossimo 18 ottobre, mentre per gli over 80, gli operatori sanitari, le persone con elevate fragilità e ospiti e operatori di Rsa la campagna della terza dose è già in corso. (Telecity News 24)

Su Facta abbiamo pubblicato un approfondimento su come interpretare (e NON interpretare) i dati sugli eventi avversi da vaccino Come abbiamo spiegato più volte (qui, qui e qui), il sistema Vaers accetta e analizza le segnalazioni di possibili eventi collaterali che possono sorgere dopo una vaccinazione. (facta.news)

La nuova settimana della campagna anti Covid-19 in Veneto è iniziata con 13619 vaccini inoculati nella giornata di lunedì, secondo i dati forniti dalla Regione e relativi alla mezzanotte di ieri, che hanno portato il totale a 7002997. (VeronaSera)

“La terza dose, per le persone per cui è prevista, è un passaggio imprescindibile del piano vaccinale, cioè lo strumento, ci tengo a ricordarlo, che ci sta permettendo ogni giorno di più di lasciarci alle spalle la pandemia- afferma l’assessore alle Politiche per la salute Raffaele Donini-. (rimininotizie.net)

Sono in tutto 168.000 persone (esclusi gli immunodepressi, che sono stati i primi a partire con la terza dose). Anche in questo caso le convocazioni dovranno tenere conto del fatto che siano passati almeno 180 giorni tra seconda e terza dose (TorinoSud)

Dallo studio, condotto fra il 27 dicembre 2020 e il 20 luglio scorso, e’ anche emerso che l’efficacia del vaccino “non sembra diminuire fino al quinto mese” dall’inoculazione, ma cio’ non significa che la protezione non sia efficace dopo il quinto mese E’ quanto emerge da un ampio studio condotto in Francia su 22 milioni di persone per una durata di 7 mesi. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr