No Green pass: perquisito l’ideatore dei cortei di Milano. Distribuì mille certificati "fal

No Green pass: perquisito l’ideatore dei cortei di Milano. Distribuì mille certificati fal
Gazzetta del Sud INTERNO

E’ indagato per istigazione a delinquere aggravata dal mezzo telematico per via delle chat in cui fomentava i cortei e per ricettazione in quanto dall’analisi del suo telefono è emerso che ha inviato via Telegram dei file contenenti circa mille green pass intestati ad altrettante persone

Il giovane ha sostenuto che all’evento avrebbero partecipato un milione di persone e ha invitato gli utenti a portare e accendere torce da stadio. (Gazzetta del Sud)

La notizia riportata su altri giornali

Ideatore cortei distribuì mille pass presi da web. Ed è stato quindi denunciato anche per ricettazione, con altre due persone destinatarie dei file contenenti i Green Pass e sottoposte a perquisizione e sequestro dei telefoni (Sky Tg24)

Il giovane era già stato denunciato per aver preso parte a iniziative No Green Pass non preavvisate e dallo scorso settembre è stato sottoposto dal questore di Milano Giuseppe Petronzi a Daspo urbano (Divieto di accedere a un determinato luogo per motivi di ordine pubblico ndr) e non ha più partecipato alle manifestazioni del sabato. (Ticinonline)

Infine, sono stati cautelativamente ritirate dalla Questura due armi, regolarmente denunciate dal giovane, titolare di licenza di porto d’armi a uso sportivo. Movimento italiano” e del gruppo Facebook “No Green Pass Adesso Basta!! (Il Giorno)

No pass, perquisito l’ideatore 19enne dei cortei di Milano. “Gestisce chat con 32mila iscritti e…

Cartelli e manifesti indicano slogan come "no Green pass, no apartheid", ma dalle finestre del quartiere popolare, dove il corteo sta avanzando si sono sentite anche voci discordanti: "Vergogna, basta con questi cortei, andate a casa". (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Movimento italiano» e del gruppo Facebook «No Green Pass Adesso Basta!! Il 28enne gestiva gruppo Fb con 32mila utenti. Il 28enne Molgora ha sin dall'inizio assunto un rilievo strategico nella campagna di protesta in quanto amministratore della chat Telegram «No Green- pass! (Leggo.it)

Per questo è stato quindi denunciato anche per ricettazione, con altre due persone destinatarie dei file contenenti i Green Pass e sottoposte a perquisizione e sequestro dei telefoni. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr