Scade il decreto sull’etichetta d’origine. Coldiretti: «Addio pasta 100% italiana»

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

« È una misura – argomenta Coldiretti – che ha portato gli acquisti di pasta con 100% grano italiano a crescere quasi 2 volte e mezzo, spingendo le principali industrie agroalimentari a promuovere delle linee produttive con l’utilizzo di cereale interamente prodotto sul territorio nazionale.

Il paese nordamericano «è il principale produttore mondiale – continua Coldiretti – e fornitore di un'Italia che è costretta oggi ad importare circa il 40% del grano di cui ha bisogno ed è dunque particolarmente dipendente dalle fluttuazioni e dalle speculazioni sui mercati

Inoltre, se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si può usare la dicitura: Italia e altri Paesi Ue e/o non Ue. (Il Sole 24 ORE)

Se ne è parlato anche su altri media

In sedici anni (2004 – 2020) è stata persa oltre l’80 per cento (81,3) della superficie, addirittura 78.644 ettari, passando da 96.710 ettari a 18.066 Lo ricorda Coldiretti Sardegna nella giornata mondiale della pasta. (LinkOristano)

Lo ricorda Coldiretti Sardegna nella giornata mondiale della pasta. L’obbligo di scrivere nelle etichette della pasta l’origine del grano è scattato il 14 febbraio del 2018. (Cagliaripad)

A denunciarlo è Coldiretti Puglia, in occasione della Giornata Mondiale della Pasta che si è celebrata ieri. Addio alla pasta 100% italiana. (Terlizzilive.it)

Dunque, un grano dalle molteplici proprietà, che offre innumerevoli benefici al nostro organismo, scopriamo quali sono e come prepararlo. Benefici del grano verde. Il freekeh è ricco di proteine e di fibre rispetto al riso integrale, ne ha una maggiore quantità (Informazione Oggi)

Il tutto nonostante in Canada sia consentito l’utilizzo del glifosato in preraccolta, modalità vietata sul territorio nazionale“ Per acquistare la vera pasta Made in Italy 100% – precisa la Coldiretti – basta scegliere le confezioni che riportano le indicazioni “Paese di coltivazione del grano: Italia” e “Paese di molitura: Italia”. (varesenews.it)

Per acquistare la “vera pasta Made in Italy 100%”, ha precisato la Coldiretti, bisogna scegliere le confezioni che riportano le diciture “Paese di coltivazione del grano: Italia” e “Paese di molitura: Italia“ Nell’eventualità in cui il grano provenga o sia stato molito in diversi paesi, a seconda dei casi possono essere utilizzate le diciture “Paesi Ue“, “Paesi Non Ue“, “Paesi Ue e Non Ue“. (inItalia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr