Maxi attacco hacker all'Ucraina, la via del dialogo con Mosca è sempre più stretta

Maxi attacco hacker all'Ucraina, la via del dialogo con Mosca è sempre più stretta
Più informazioni:
L'HuffPost ESTERI

Il forte sostegno politico e pratico della Nato all’Ucraina continuerà”, ha promesso il segretario generale, in un passaggio che sicuramente non piacerà a Mosca.

“La discussione sull’architettura della sicurezza europea è stata al centro di questa riunione […].

Non c’è “solo” il maxi attacco hacker ad aumentare le tensioni tra est e ovest.

Il funzionamento del Nord Stream 2 dipenderà “dallo sviluppo degli eventi in Ucraina e dall’attitudine della Russia”, ha avvertito Borrell. (L'HuffPost)

La notizia riportata su altri media

“Il sito ufficiale del Ministero dell’Istruzione e della Scienza è temporaneamente chiuso a causa dell’attacco globale avvenuto nella notte tra il 13 e il 14 gennaio”, ha annunciato quest’ultimo sulla sua pagina Facebook. (Il Sole 24 ORE)

L’attacco informatico contro i siti istituzionali. “Ucraini!” recita il messaggio lasciato dagli attaccanti sulle hompage dei siti delle istituzioni “Tutti i vostri dati personali sono stati resi pubblici. (Wired Italia)

A essere colpiti sono stati, tra gli altri, i siti Internet del ministero degli Esteri, del ministero dell'Istruzione e della Scienza e del ministero delle Politiche Agrarie. (IL GIORNO)

«Abbiate paura». L'Ucraina di nuovo sotto cyber attacco, ecco il messaggio pubblicato dagli hacker. L'incubo …

Un compromesso su cui ieri gli Stati Uniti hanno dimostrato poca apertura. Gotland, l'isola più grande della Svezia, è strategicamente importante e si trova a circa 330 chilometri da Kaliningrad, il quartier generale della flotta russa del Baltico (Milano Finanza)

Tutte le vostre informazioni sono diventate pubbliche, abbiate paura e preparatevi al peggio. I portali sono stati oscurati ed hanno mostrato un messaggio: “Abbiate paura e preparatevi al peggio”. (Sicurezza internazionale)

Se si aprono i siti coinvolti nel blocco si leggeva fino a stamattina presto un messaggio di minacce in ucraino, polacco e russo, «alla popolazione ucraina», «abbiate paura» perché la vostra privacy è stata violata e «tutti i dati personali sono stati resi pubblici» Diversi siti del governo sono stati colpiti nella notte, tra gli altri quello del Internet del ministero degli Esteri, di quello dei veterani di guerra, del ministero dell'Istruzione e della scienza e del ministero delle politiche agrarie. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr