"House of cards", Kevin Spacey dovrà pagare 31 milioni alla Mrc: "Grave danno dalle sue molestie sessuali"

La Repubblica CULTURA E SPETTACOLO

Spacey rilasciò una dichiarazione dicendo che non ricordava l'incontro e scusandosi.

L'attore Anthony Rapp accusò allora Spacey di avergli fatto delle avance sessuali quando lui aveva 14 anni, negli anni '80.

Secondo il pronunciamento, Spacey si è reso colpevole di comportamenti inappropriati considerabii molestie sessuali con diversi componenti della troupe che lavorava alla produzione di "House of cards". (La Repubblica)

Su altre fonti

Spacey, 62 anni, ha perso il suo ruolo da protagonista in 'House of Cards' e ha mantenuto un profilo relativamente basso da quando è stato accusato di creare un ambiente di lavoro "tossico". (Quotidiano di Sicilia)

La vicenda. Space. Continua a leggere l’articolo Kevin Spacey dovrà pagare più di 27 milioni di euro allo studio che ha realizzato “House of Cards”per Netflix. (Itaca Notizie)

Kevin Spacey è stato condannato a risarcire i produttori di «House of Cards» per ben 31 milioni di dollari. L’attore premio Oscar venne silurato dalla serie tv, a seguito delle accuse di molestie sessuali avanzate da decine di uomini contro di lui. (Yahoo Finanza)

Kevin Spacey deve pagare. Nel 2017 Kevin Spacey è stato licenziato da “House of Card“, serie tv targata Netflix, dopo molteplici accuse di violenza sessuale. Secondo i termini della sentenza, MRC ha ricevuto $ 29,5 milioni di danni e $ 1,4 milioni di spese varie e legali. (Ecodelcinema)

Di questa tendenza a non dimenticare ora ne fa le spese anche il famoso attore Kevin Spacey. La motivazione sta in una violazione del contratto a seguito di accuse di molestie sessuali contro l’attore statunitense. (Il Dubbio)

Kevin Spacey è stato condannato a risarcire i produttori di «House of Cards» per ben 31 milioni di dollari. L’attore premio Oscar venne silurato dalla serie tv, a seguito delle accuse di molestie sessuali avanzate da decine di uomini contro di lui. (Bluewin)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr