Centaurus A, il buco nero nel cuore di una radiogalassia

Centaurus A, il buco nero nel cuore di una radiogalassia
La Stampa SCIENZA E TECNOLOGIA

Con le nuove osservazioni EHT del getto Centaurus A, è stata identificata la probabile posizione del buco nero nel punto di lancio del getto.

Al centro di Centaurus A si trova un buco nero con una massa pari a 55 milioni di soli (il buco nero nella galassia M87 è 6 miliardi e mezzo di soli e quello al centro della Via Lattea è circa 4 milioni di soli).

Il cuore della galassia Centaurus A come non l’avevamo mai visto. (La Stampa)

Su altre fonti

Questo fenomeno, benché sia noto da tempo, non è stato ancora compreso a fondo dagli scienziati. I risultati dello studio, raffrontati con quelli svolti in precedenza sul buco nero della galassia M87 dalla massa superiore, suggeriscono che questi oggetti possano comportarsi in maniera simile nonostante una differenza anche ampia di massa e dimensioni. (HDblog)

L’array TANAMI è composto da nove radiotelescopi situati in quattro continenti che osservano a lunghezze d’onda di 4 cm e 1,3 cm Con le nuove osservazioni EHT del getto Centaurus A, è stata identificata la probabile posizione del buco nero nel punto di lancio del getto. (SardegnaDies)

La materia che “cade” all’interno del buco nero non si limita a scomparire semplicemente, ma va a raccogliersi in una sorta di disco attorno al buco nero stesso. Studio reso possibile dalle immagini ad alta risoluzioni ottenute con il progetto Event Horizon Telescope (Tom's Hardware Italia)

Uno sguardo al cuore della galassia Centaurus A con Eht

Un nuovo studio propone una nuova interessante teoria basata sull’intervento della materia oscura. Questi, infatti, potrebbero formarsi con il collasso diretto di giganteschi aloni di materia oscura. (Notizie scientifiche.it)

Il getto è prodotto dalla materia mentre precipita nel buco nero, risucchiata dalla sua spaventosa attrazione gravitazionale, cui nulla può resistere, neanche la luce. Il buco nero Centaurus A, rispetto a quello della galassia M87, distante 55 milioni di anni luce dalla Terra e protagonista della foto storica del 2019, ha una massa inferiore. (laRegione)

(HelpMeTech)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr