L'Europa ha chiuso lo spazio aereo ai voli bielorussi

L'Europa ha chiuso lo spazio aereo ai voli bielorussi
TIMgate ESTERI

nterdetti anche tutti gli aeroporti dei paesi membri. L’Europa ha deciso di vietare alle compagnie aeree della Bielorussia di volare nello spazio aereo dell’Unione europea o di far decollare o atterrare i propri aerei negli aeroporti dei paesi membri.

Dal 2 giugno, la stessa Bielorussia aveva vietato ai propri cittadini di espatriare , salvo eccezioni, ufficialmente per il Covid-19, ma probabilmente come replica alle sanzioni europee. (TIMgate)

Se ne è parlato anche su altre testate

Nei prossimi giorni verranno sanzioni anche i diretti responsabili del dirottamento Alle compagnie europee viene invece raccomandato di non sorvolare lo spazio aereo bielorusso. (AGI - Agenzia Italia)

Gli aerei bielorussi non potranno entrare nello spazio aereo europeo a partire da mezzanotte. Gli ambasciatori dell'UE hanno adottato un piano di blocco aereo totale, come sanzione alla Bielorussia per l'arresto del blogger Roman Protasevich. (Sputnik Italia)

. Gli ambasciatori dei 27 paesi Ue hanno deciso oggi di vietare alle compagnie aeree bielorusse di accedere allo spazio aereo europeo. L’Ue sta inoltre preparando sanzioni mirate contro individui, entità e società vicine a Lukashenko e al governo bielorusso. (Informazione Consapevole)

L'UE vieta l'accesso al suo spazio aereo alle compagnie bielorusse

Protasevich, 26 anni, durante l'intervista trasmessa sulla TV di stato bielorussa ONT. Il Consiglio dell'Ue ha deciso di introdurre il divieto di sorvolo dello spazio aereo e di accesso agli aeroporti all'interno dell'Unione per qualsiasi aereo bielorusso, inclusi i voli commerciali. (La Stampa)

La decisione fa seguito alle conclusioni del Consiglio europeo del 24 e 25 maggio 2021, in cui i capi di Stato e di governo dell’Ue hanno condannato fermamente l’atterraggio forzato illegale di un volo Ryanair a Minsk il 23 maggio che aveva messo in pericolo la sicurezza aerea. (Libertà)

commemorazioni. Nonostante la mancata autorizzazione alla veglia tenuta senza interruzioni dal 1990 al 2019 e le minacce di arresto e gravi conseguenze ventilate per la legge sulla sicurezza nazionale, centinaia di persone hanno sfidato il divieto della polizia schierata con 7. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr