In Groenlandia gli Inuit vincono le elezioni: i verdi battono i socialdemocratici per la seconda volta

In Groenlandia gli Inuit vincono le elezioni: i verdi battono i socialdemocratici per la seconda volta
Il Fatto Quotidiano ESTERI

Per la seconda volta nella storia della Groenlandia gli ambientalisti hanno battuto i socialdemocratici, e lo hanno fatto battendosi contro l’apertura della miniera di Kvanefjeld, situata a sud della capitale Nuuk davanti le coste canadesi, che a febbraio aveva fatto cadere il governo.

Il progetto riguardava una delle maggiori risorse mondiali di uranio e terre rare, due elementi chimici utilizzati per numerose applicazioni tecnologiche civili e militari. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altre testate

Cina quasi monopolista delle terre rare. Tra i minerali di cui abbonderebbe l’isola vi è persino l’uranio. Alla base dell’idea del tycoon vi era proprio la volontà di mettere le mani sulle terre rare. (InvestireOggi.it)

Gli ambientalisti, però, temono che l’estrazione su larga scala possa danneggiare il paesaggio incontaminato e aggravare le minacce all'ecosistema groenlandese. Il ritiro del ghiaccio marino riduce infatti la stagione per i cacciatori che ci lavorano con le slitte trainate dai cani (AGI - Agenzia Italia)

Groenlandia: elezioni, vince la sinistra ambientalista (Di mercoledì 7 aprile 2021) Sono state vinte dal partito di sinistra ambientalista le elezioni che si sono svolte ieri nel territorio autonomo danese della Groenlandia. (Zazoom Blog)

Terre rare: in Groenlandia vince il partito del no

I socialdemocratici di Siumut hanno ottenuto il 29% dei voti, migliorando di due punti il risultato del 2018, ma i vincitori sono gli ambientalisti di sinistra e indipendentisti di Inuit Ataqatigiit (Comunità Inuit) passati dal 26 al 37%. (Il Manifesto)

Conta appena 56mila abitanti in oltre 2 milioni di chilometri quadrati; sarebbe come se la popolazione di Cuneo fosse dispersa in un territorio grande quattro volte la Spagna. “I cittadini hanno parlato”, ha commentato il leader inuit Múte Bourup Egede, intervistato dalla tv di stato danese Dr all’indomani della vittoria (LifeGate)

Kvanefjeld avrebbe permesso alla Groenlandia di staccarsi da Copenhagen visto che è il sesto giacimento di uranio e il primo di terre rare al mondo. Trionfa alle elezioni il partito che non vuole estrarre terre rare dal sito di Kvanefjeld. (Rinnovabili)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr