PALERMO. OP. ''PERSEFONE'': 8 FERMI NELLA FAM. MAFIOSA DI BAGHERIA. SCONGIURATO OMICIDIO

PALERMO. OP. ''PERSEFONE'': 8 FERMI NELLA FAM. MAFIOSA DI BAGHERIA. SCONGIURATO OMICIDIO
Campobello News INTERNO

– far emergere responsabilità penali sull’anziano imprenditore edile Carmelo FRICANO (detto “Mezzo chilo” e tratto in arresto oggi), ritenuto soggetto vicino alla famiglia mafiosa di Bagheria e, in particolare, allo storico capo mandamento detenuto Leonardo GRECO

L’indagine, seguita da un pool di magistrati coordinati dal Procuratore Aggiunto Dottore Salvatore DE LUCA, costituisce l’esito di un’articolata manovra investigativa condotta dal Nucleo Investigativo di Palermo sulla famiglia mafiosa di Bagheria, che ha consentito di comprovare la perdurante operatività di quell’articolazione mafiosa. (Campobello News)

Su altri giornali

(CT) – Molti sono convinti – nella malavita – che quello che aveva la spina dorsale del mafioso nel clan del Malpassotu Giuseppe Pulvirenti fosse il genero Pietro Puglisi. Le intercettazioni in carcere per i magistrati incastrano Lucia Pulvirenti, che sta affrontando il processo ordinario figlio dell’inchiesta Malupassu. (Livesicilia.it)

“Io autorizzato da tutti i cristiani”. “A me in questo minuto mi hanno autorizzato tutti i cristiani – continua Ficano facendo riferimento quando parla di ‘cristiani’ ai boss detenuti -. Le intercettazioni: “Io ho fatto la storia”. (BlogSicilia.it)

L’indagine sulla famiglia mafiosa di Bagheria ha permesso di scongiurare l’omicidio di un pregiudicato locale, estraneo al sodalizio, ritenuto poco incline al rispetto delle ‘regole’ imposte dall’organizzazione mafiosa. (Il Fatto Quotidiano)

Blitz contro il clan di Bagheria, 8 arresti. Sventato un omicidio

La potenziale vittima, considerata dai carabinieri come estranea al contesto mafioso, si era permesso di sfidare da ubriaco e in pubblico il capo mafia L’omicidio sventato. L’operazione ha anche sventato l’omicidio di Fabio Tripoli, che aveva messo in discussione l’autorità del boss di Bagheria Massimiliano Ficano. (Open)

“Lo portiamo in campagna e lo scanniamo come un vitello”, la voce di boss che sarebbe emersa dalle intercettazioni. Quest’ultimo, detto “Mezzo Chilo”, è stato considerato vicino alla famiglia mafiosa di Bagheria e in particolare al capo mandamento detenuto Leonardo Greco (Il Riformista)

Nel momento in cui, in altre intercettazioni, veniva detto che quando vanno a Bagheria, i palermitani "devono bussare". "Senza offesa o con l'offesa sono baarioto. noi stiamo a Bagheria e quelli a Palermo (Antimafia Duemila)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr