Djokovic, la dichiarazione giurata dell'agente: "Errore mio, mi dispiace"

Djokovic, la dichiarazione giurata dell'agente: Errore mio, mi dispiace
Più informazioni:
La Gazzetta dello Sport ESTERI

Il Team Djokovic è questo.

Emergono stralci della testimonianza rese da una donna definita "agente del serbo": "Ho compilato io il modulo, ho sbagliato a non confrontarmi con Mr. Djokovic". Federica Cocchi. Una famiglia unita, in larga parte italiana.

Il mio errore nella compilazione del modulo non è stata intenzionale

Non mi sono confrontata con il signor Djokovic sulla correttezza della mia risposta prima di presentare il formulario. (La Gazzetta dello Sport)

Su altri giornali

Il ministro dell’immigrazione australiano, Alex Hawke, ha cancellato nuovamente il visto di Novak Djokovic. In virtù della decisione del ministro Hawke, Novak Djokovic è stato messo in stato di fermo e portato al Park Hotel, hotel di Carlton utilizzato dal Governo australiano come centro di detenzione per gli immigrati. (Tennis World Italia)

Dopo la sconfitta nella finale di qualificazioni contro il giapponese Taro Daniel, per Salvatore Caruso si potrebbe concretamente aprire la porta del main draw degli Australian Open. Per poter entrare, Caruso rimane in attesa che la situazione che ha coinvolto in questi giorni Novak Djokovic volga ad una conclusione definitiva. (Il Pallone Gonfiato)

Facebook Aleksandar Vučić. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it (Agenzia Vista) Roma, 15 gennaio 2022. «Se non volete che Novak vinca il decimo trofeo a Melbourne, perché non lo dite che è impossibile ottenere il visto per entrare nel vostro Paese? (Il Mattino)

Australian Open 2022, Novak Djokovic passerà la notte nell'hotel dei rifugiati in attesa della sentenza

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha ribadito venerdì il suo sostegno a Novak Djokovic dopo che l’Australia ha annullato il visto al giocatore serbo, il quale ora rischia di essere espulso dal paese. (Il Fatto Quotidiano)

Mancano soltanto due giorni all’inizio degli Australian Open 2022, in programma dal 17 al 30 gennaio sul cemento di Melbourne. Lo spagnolo, vincitore di venti Slam in carriera (proprio come il serbo), non si è nascosto dietro un dito alla vigilia dell’evento e si è espresso senza peli sulla lingua: “Gli Australian Open sono molto più importanti di qualsiasi giocatore. (OA Sport)

Le motivazioni per la revoca del visto sono da ricercarsi nell’eventualità che la presenza del serbo in Australia possa “incoraggiare il sentimento contro i vaccini“, secondo quanto scritto dal Ministro australiano dell’Immigrazione, Alex Hawkes, che gli ha cancellato il visto. (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr