Ritrovato il quarto corpo dell'escursionista disperso sul Monte Velino.

Ritrovato il quarto corpo dell'escursionista disperso sul Monte Velino.
Abruzzo in Video INTERNO

Il soccorso alpino esprime cordoglio alle famiglie e ringrazia la comunità.

Stamattina in quota le squadre del Soccorso Alpino, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Moena, dei Vigili del Fuoco, del Nono Reggimento Alpini di L’Aquila.

Appena i soccorritori in quota hanno rinvenuto il corpo dell’escursionista subito è stato avvisato l’elicottero del 118 di L’Aquila, con a bordo il medico, a cui è toccato l’arduo compito della ricognizione cadaverica. (Abruzzo in Video)

Se ne è parlato anche su altri giornali

É l’ultimo atto della tragedia del 24 gennaio. Il corpo del ragazzo è stato recuperato con l’elicottero ed è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale di Avezzano. (Abruzzonews)

E’ stato recuperato il corpo dell’ultimo dei quattro escursionisti dispersi dal 24 gennaio scorso sul Monte Velino, Gianmarco Degni, 26enne studente di Avezzano. Il recupero dopo 28 giorni si è rivelato più difficile del previsto: insieme ad una quarantina di soccorritori hanno operato tre cani molecolari, due dei carabinieri e l’ultimo della Guardia di finanza. (ReteAbruzzo.com)

La ragazza era stata trovata ieri, accanto agli amici Gian Mauro Frabotta, 33 anni, e Tonino Durante, 60. Avete setacciato il Velino per 28 giorni, è stata una ricerca molto lunga e difficile. (Quotidiano.net)

21/02/2021 | Tragedia dispersi Velino: domani i funerali ad Avezzano

I consigli del Maresciallo Gagliardi per le escursioni in sicurezza. (LaPresse) – I consigli e le raccomandazioni, per escursioni in montagna in sicurezza, del Maresciallo Capo Lorenzo Gagliardi, comandante della stazione del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Roccaraso (L’Aquila), primo tra i soccorritori a raggiungere il resort Rigopiano travolto da una slavina (2017) e di nuovo primo ad arrivare a valle Majelama, il 24 gennaio, su monte Velino per il recupero dei quattro escursionisti vittime di una valanga. (LaPresse)

Su proposta dell’assessore Nicola Campitelli approvato il Piano di Azione dell’agglomerato di Pescara sul contenimento del rumore stradale, elaborato dal Comune, dopo i risultati della mappatura acustica. (Il Martino)

Secondo una prima ricostruione dei fatti, i quattro escursionisti potrebbero essere morti sul colpo, travolti da una gigantesca valanga che non ha lasciato scampo a nessuno, la mattina di domenica 24 gennaio nell’area di Valle Majelama. (Rete8)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr