Uccisa a coltellate nella sua casa: 81enne trovata morta a Carrassi

Uccisa a coltellate nella sua casa: 81enne trovata morta a Carrassi
BariToday INTERNO

Nelle prossime ore sarà effettuato un primo esame esterno del cadavere a cura del medico legale Francesco Introna

Sul posto sono giunti gli agenti della Squadra Mobile e il pm Claudio Pinto della Procura di Bari che coordina le indagini. Il cadavere di una 81enne, Anna Lucia Lupelli, è stato rinvenuto in un'abitazione del quartiere Carrassi di Bari, in via Gabrieli.

Sul suo corpo vi sarebbero i segni di numerose coltellate. (BariToday)

La notizia riportata su altre testate

Si dovrà anche stabilire se il delitto sia avvenuto oggi oppure, stando alle condizioni del corpo, è possibile anche che la morte risalga a un paio di giorni fa. I rilievi, ancora in corso, degli uomini della squadra mobile e della scientifica, dovranno anche accertare se in casa manchino oggetti o altri beni. (La Tribuna di Treviso)

Secondo i primi rilievi, sul cadavere della donna, Anna Lucia Lupelli, vi sarebbero i segni di numerose coltellate. Il corpo era nella cucina dell'appartamento in cui Lupelli viveva da sola, al piano interrato di un edificio in via Gabrieli. (Today.it)

ovrà rispondere dei reati di rifiuto di indicazioni sulla propria identità, oltraggio e resistenza a Pubblico Ufficiale. Violento litigio, ieri pomeriggio, per le strade del quartiere Carrassi di Bari (BariToday)

Trovata morta in casa a Bari: sul corpo segni di coltellate

Il corpo dell'anziana è stato rinvenuto questo pomeriggio nella casa in cui viveva da sola. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti c'è anche quella di una rapina finita male. (IL GIORNO)

Stando agli accertamenti effettuati sul posto dalla polizia scientifica, la porta d’ingresso non è stata forzata, segno che la donna ha aperto al suo assassino Del resto, i familiari hanno spiegato alla polizia di non averla sentita per alcuni giorni e di essersi allarmati proprio in seguito a questo inconsueto silenzio. (La Repubblica)

I soccorritori e le forze dell'ordine sono entrati in casa con l'aiuto dei vigili del fuoco. La porta di ingresso era chiusa regolarmente, senza segni di effrazione: l'anziana potrebbe aver aperto volontariamente al suo assassino (leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr