«Smart working, il 40 per cento degli statali lavora di meno»: i dati

ilmattino.it INTERNO

In smart working quattro statali su dieci non hanno garantito la piena continuità dei servizi all’utenza.

È tempo di bilanci per il lavoro agile nella Pa dopo che il ministro Renato Brunetta ha annunciato il ritorno al lavoro in presenza negli uffici pubblici: Palazzo Vidoni punta a limitare al 15 per cento la quota di dipendenti impiegati da remoto.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

I dati sulla resa dei lavoratori pubblici “smartati” in emergenza arrivano dall’Osservatorio. (ilmattino.it)

La notizia riportata su altre testate

Dopo che il 2020 ha dimostrato i benefici del lavoro agile in termini di produttività e sostenibilità, tornare indietro è un errore. E una posizione di retroguardia. Il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ha ufficialmente dato il via alla sua guerra allo smart working degli statali. (Wired.it)

Inoltre, questa modalità provoca effetti collaterali estremamente positivi: decongestionamento della mobilità, ripopolamento dei borghi, riduzione di CO2. Il lavoro agile è sotto attacco e invece va difeso. (La Stampa)

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre Scarica la guida Gratis! Il ministro della Pubblica Amministrazione Brunetta sullo smart working e il Green pass: “Una storia di successo italiano ed europeo”. (News Mondo)

Con lo smart working, i dipendenti pubblici usano perlopiù dispositivi personali per lavorare, con una miriade di dati riservati dei cittadini esposti a rischi e a carenti tutele della privacy Lo “smart working” per i dipendenti pubblici in Italia avrebbe i giorni contati. (InvestireOggi.it)

Smart working PA: cosa ha detto Renato Brunetta. Il Ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha parlato di smart working della PA, declinando i termini futuri. (lentepubblica.it)

Smart Working nel Pubblico Impiego ridotto al 15% e disciplinato da nuove regole, riforma PA digitale grazie al PNRR: Renato Brunetta illustra le priorità. Dei 3,2 milioni di dipendenti pubblici gran parte ha continuato a lavorare sempre in presenza: la sanità, le forze dell’ordine. (PMI.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr