Twitter sborsa 809,5 milioni di dollari per risolvere la class action

Corriere del Ticino ECONOMIA

Gli azionisti hanno accusato la società che cinguetta di averli ingannati sul numero degli utenti attivi mensili e sulla misura che incida quanto frequentemente gli utenti interagiscono con la piattaforma.

Twitter ha patteggiato il pagamento ma continua a negare azioni improprie

Twitter patteggia il pagamento di 809,5 milioni di dollari per risolvere la class action con la quale è stata accusata di aver ingannato gli investitori nel 2015 sui dati relativi agli utenti. (Corriere del Ticino)

Su altri media

La big dei messaggi con cinguettio era accusata di aver "ingannato" la comunità finanziaria, nel 2015, fornendo dati errati sugli utenti. Twitter ha sempre negato di aver fornito dati errati, e nega "qualsiasi illecito o azione impropria", ma ha preferito chiudere la pendenza con un patteggiamento ed il pagamento di un risarcimento di 809,5 milioni di dollari che chiude "risolve tutti i reclami". (ilmessaggero.it)

Nel 2019, Twitter ha smesso di segnalare i dati mensili degli utenti. Oggi Twitter riporta solo i dati degli utenti giornalieri (Sky Tg24 )

La causa originale intentata nel 2016 dall'investitore di Twitter Doris Shenwick affermava che i dirigenti di Twitter «hanno consapevolmente fatto dichiarazioni pubbliche imprecise riguardo a queste metriche e non hanno rivelato informazioni interne su di esse, determinando un prezzo delle azioni gonfiato,s sceso quando la verità sul coinvolgimento degli utenti è diventata nota» La società di San Francisco ha affermato che l'accordo proposto - che deve ancora essere approvato da un giudice - risolve tutte le richieste contro di essa senza che Twitter ammetta alcun illecito. (La Nuova Venezia)

La norma costringerebbe le aziende tecnologiche a fornire informazioni sugli account dei social media che secondo il governo diffondono propaganda o informazioni false. Twitter, accordo da oltre 800 milioni su class action. (Primaonline)

Gli azionisti hanno accusato la società che cinguetta di averli ingannati sul numero degli utenti attivi mensili e su quanto frequentemente gli utenti interagiscono con la piattaforma. Twitter patteggia il pagamento di 809,5 milioni di dollari per risolvere la class action con la quale è stata accusata di aver ingannato gli investitori nel 2015 sui dati relativi agli utenti. (RSI.ch Informazione)

Ad una crescita troppo lenta, accusavano gli investitori, i dirigenti di Twitter “vendevano azioni per milioni di dollari”. Gli accusatori affermano che la base di utenti media mensile del sito sarebbe dovuta aumentare significativamente a “oltre 550 milioni” a medio termine e “oltre un miliardo” a lungo termine, ma nella primavera del 2019 venivano comunicati solo 330 milioni di utenti attivi (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr