MSC, Fincantieri e SNAM per la prima nave da crociera alimentata a idrogeno

Ferrovie.it ECONOMIA

La Divisione Crociere del Gruppo MSC è impegnata a raggiungere l'obiettivo delle zero emissioni per le operazioni della propria flotta entro il 2050.

Comunicato stampa MSC Crociere - 26 luglio 2021. Commenta questa notizia sul forum

L'utilizzo dell'idrogeno può contribuire al raggiungimento dell'obiettivo delle zero emissioni nette in questo settore così come in tutti quelli hard-to-abate.

da Brevi trasporti del 26 luglio 2021. (Ferrovie.it)

La notizia riportata su altri media

Msc Crociere ha preso in consegna da Fincantieri Msc Seashore, la sua nuova ammiraglia. Msc Seashore è la prima nave Seaside Evo, evoluzione della classe Seaside e va ad aggiungersi alle gemelle Seaside e Seaview, entrate in servizio nel 2017 e 2018. (L'Agenzia di Viaggi)

Pier Francesco Fago, CEO della divisione crociere del Gruppo MSC, Ha commentato che “questa costruzione è un investimento che genera un impatto economico diretto e indiretto di quasi 5 miliardi di euro sull’economia italiana e attiva un importante motore economico e lavorativo per le comunità costiere”. (Flamina&dintorni)

La Seashore inizierà la stagione inaugurale nel Mediterraneo offrendo il classico itinerario delle Sei perle, che tocca Genova, Napoli, Messina, Valletta, Malta, Barcellona e Marsiglia. E’ stata ufficializzata con la tradizionale cerimonia dell’ampolla la consegna della Seashore da Fincantieri a Msc. (Travel Quotidiano)

È stata presa in consegna ieri dal gruppo Msc, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Enrico Giovannini, la più grande nave da crociera costruita in Italia. La Msc Seashore è il frutto della collaborazione tra Msc Crociere e Fincantieri, che si è conclusa con successo nonostante le difficoltà portate dalla pandemia. (Sputnik Italia)

MSC è impegnata a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni per le operazioni della propria flotta entro il 2050. (Il Cittadino on line)

Progettare e realizzare nuove tecnologie avanzate a partire dalla stessa alimentazione dei mezzi marittimi è ormai fondamentale per contribuire a ridurre le emissioni di CO2. Lo step successivo sarà pertanto quello di portare avanti uno studio di fattibilità relativo alla progettazione e alla costruzione dell’imbarcazione. (Tom's Hardware Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr