La sentenza: "Crocifisso in classe? Solo se va bene a tutti"

La sentenza: Crocifisso in classe? Solo se va bene a tutti
QUOTIDIANO NAZIONALE INTERNO

La sfida ora esce dalla Corte suprema e torna nella quotidianità delle aule scolastiche

Al contrario, la dirigente scolastica, rifacendosi al regolamento del Ventennio fascista, non avendo mai il Parlamento messo ordine alla questione con una legge, ne aveva imposto l’affissione.

La sentenza ha in sé una portata rivoluzionaria perché per la prima volta si dà una indicazione giurisprudenziale imprescindibile sulla convivenza tra simboli religiosi all’interno degli istituti scolastici. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Se ne è parlato anche su altre testate

Una laicità castrante non è nella nostra civiltà, non è nella nostra legge, non è nella nostra libertà. È il Crocifisso, il Vivente, e nessuno può toglierlo dal mondo, e nessuno ce lo stacca dal cuore (Avvenire)

Adesso il prof, a distanza di quasi tre lustri, si dice soddisfatto per l’evoluzione della vicenda giudiziaria. Il rammarico per il professor Metastasio è che “questa sentenza arrivi ben 13 anni dopo i fatti” (Tecnica della Scuola)

L’affissione del crocifisso – al quale si legano, in un Paese come l’Italia, l’esperienza vissuta di una comunità e la tradizione culturale di un popolo – non costituisce un atto di discriminazione del docente dissenziente per causa di religione. (PaeseRoma.it)

Ha vinto l’amore di Gesù. La Cassazione: ‘Sì al crocifisso in aula, non è un atto discriminatorio’

Posiziona il player nel punto in cui vuoi terminare la selezione e poi premi la spunta di Termina. Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere. (Radio Radicale)

«Spiace che il crocifisso, nonostante il nobile significato cui rimanda, sia, di tanto in tanto, fatto oggetto di sterili polemiche e inutili contese - dichiara Suor Monia -. E conclude: «Se i laicisti vedono nel crocifisso un simbolo religioso prevaricatore e non rispettoso di chi professa altre religioni, stiano pure tranquilli: è già uscito dalle scuole italiane! (leggo.it)

“L’aula può accogliere la presenza del crocifisso – si legge nella sentenza 24414 – quando la comunità scolastica interessata valuti e decida in autonomia di esporlo, eventualmente accompagnandolo con i simboli di altre confessioni presenti nella classe e in ogni caso ricercando un ragionevole accomodamento tra eventuali posizioni difformi”. (Papaboys 3.0)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr