Confcommercio, a Natale 158 euro a testa per i regali. Sangalli: "Rilanciare la fiducia con il taglio delle …

La Repubblica ECONOMIA

In vista delle festività gli italiani spenderanno 158 a euro a testa per i regali, poco meno dei 164 dello scorso anno, ma ben il 36% in meno rispetto al 2009.

"Effetto crescita sui conti" 03 Dicembre 2021. "La crescita dei consumi a Natale rischia di essere frenata dai timori per la pandemia, dall'inflazione e dai costi dei consumi obbligati.

La minore crescita sarebbe interamente dovuta a un profilo meno dinamico della spesa delle famiglie"

Nel complesso la spesa per i doni sarà di 6,9 miliardi contro i 7,4 dello scorso anno. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altre testate

La Confcommercio calcola che quest’anno ciascuno di noi per gli acquisti di Natale spenderà 158 euro. E in questo mese si stima che la spesa complessiva sarà di circa 110 miliardi di euro, 10 in meno rispetto al 2019, cioè all’era pre-Covid. (L'Adige di Verona)

Quest’anno per i regali si spenderanno complessivamente 6,9 miliardi rispetto ai 7,4 miliardi dello scorso anno. Considerando anche i consumi di chi non beneficia di questo emolumento, cioè l’area del lavoro autonomo, complessivamente la spesa media per famiglia a dicembre – inclusi affitti, bollette e utenze – si attesta a 1. (Vigevano24.it)

meno di un mese dall’inizio delle vacanze natalizie, gli italiani stanno già iniziando a fare i primi acquisti, soprattutto regali, anche approfittando delle offerte del Black Friday. Per quanto riguarda le spese natalizie per generi alimentari, in media ogni anno vengono spesi dagli italiani 5 miliardi di euro. (Il Tabloid)

In totale «per il mese di dicembre si stima un valore di circa 110 miliardi di euro di spese per consumi (inclusi affitti, utenze, servizi), valore inferiore di circa 10 miliardi a quanto speso nel 2019» spiega Confcommercio. (Il Sole 24 ORE)

Il sentiment dei cittadini di Roma rispetto al prossimo Natale non è molto fiducioso, spiega Romolo Guasco, Direttore di Confcommercio Roma. Ci auguriamo che nelle prossime due settimane il trend si possa invertire anche grazie al clima natalizio che in città sta montando anche grazie agli addobbi e alle luminarie dei nostri negozi di vicinato (Confcommercio Roma)

L'inflazione potrebbe ridimensionare i consumi di Natale. Ma è chiaro che di fronte al pericolo di un ridimensionamento del reddito disponibile reale, la propensione ai consumi è destinata a scendere. (Maremmanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr