"100 euro l'ora, extra, per chi andrà in pronto soccorso"

100 euro l'ora, extra, per chi andrà in pronto soccorso
La Voce di Rovigo INTERNO

L'accordo, una vera e propria misura d'urgenza, raggiunta da Regione e sindacati, resterà in vigore sino al 31 dicembre.

A livello veneto, infatti, le scoperture in organico vengono quantificate in 229 unità

I medici già in servizio, in Medicina d'urgenza o in altri reparti, specialisti e specializzandi, potranno fare turni extra da 100 euro lordi l'ora in Pronto soccorso, dove si è pesantemente sotto organico. (La Voce di Rovigo)

Ne parlano anche altre fonti

“Da tempo come assessorato – prosegue – abbiamo avviato una interlocuzione con gli uffici del Ministero dell’Economia al fine di concordare ulteriori strumenti che consentano politiche perequative, in primis dando applicazione alle previsioni del Patto per la Salute 2019-2021 ove si consente alle Regioni in equilibrio economico di incrementare i fondi contrattuali nel limite del 2% del monte salari 2018 anche in ottica 'perequativa'. (TG Padova)

«Ora i termini dell’accordo vanno estesi a tutte le Regioni d’Italia – commenta Guido Quici, Presidente della Federazione Cimo-Fesmed (cui aderiscono ANPO-ASCOTI, CIMO, CIMOP e FESMED) -. (Panorama della Sanità)

Da tempo come assessorato abbiamo avviato una interlocuzione con gli uffici del Ministero dell’Economia al fine di concordare ulteriori strumenti che consentano politiche perequative, in primis dando applicazione alle previsioni del Patto per la Salute 2019-2021 ove si consente alle Regioni in equilibrio economico di incrementare i fondi contrattuali nel limite del 2% del monte salari 2018 anche in ottica “perequativa”. (PadovaOggi)

Specializzandi in corsia, resta lo stop. Ma sulle tariffe Roma fa dietrofront

A darne notizia è il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, il quale nel ricordare il provvedimento adottato dalla Regione specifica anche che le tariffe saranno applicate anche per i turni aggiuntivi dei medici e degli infermieri operanti nei reparti in cui si registrano maggiori tassi di assenza. (ilgazzettino.it)

Il secondo accordo stabilisce invece che a svolgere su base volontaria attività aggiuntive nei Pronto soccorso possano essere i dirigenti medici già in servizio nei Pronto soccorso o in altre Unità operative affini a medicina e chirurgia di accettazione e d’urgenza. (Nurse Times)

Specializzandi in corsia, resta lo stop. (Il Piccolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr