Usa: bimbo russo adottato morto in Texas non ucciso dalla madre

AGI - Agenzia Giornalistica Italia ESTERI

(AGI) - Chicago (Illinois), 1 mar. - La morte del bambino di 3 anni russo, adottato da un coppia in Texas, e' stata "una disgrazia" e non sarebbe stato torturato e ucciso dalla madre adottiva, come inizialmente riferito. Questa la dichiarazione, che non manchera' ... (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

La notizia riportata su altri giornali

È stata accidentale la morte del piccolo Max, il bimbo di tre anni russo adottato da una coppia statunitense in Texas e morto a fine gennaio. Lo hanno stabilito le autorità del Texas, che in questo modo scagionano la madre adottiva del piccolo, al centro di un ... (euronews)

Maxim, 3 anni, adottato da coppia americana, sarebbe morto per cause accidentali. Il Cremlino chiede gli atti di indagine. MILANO - «Un bambino di tre anni è diventato vittima della grande politica». Così il delegato del Cremlino per l'infanzia, Pavel Astakhov ... (NotiziarioItaliano.IT)

Russia E Stati Uniti sono ai ferri corti. E questa volta il motivo è la morte di un bimbo di appena tre anni. Maxim Kuzmin è un bimbo russo adottato qualche tempo fa da una famiglia texana. E' morto il 21 gennaio in circostanze che la Russia definisce oscure e ... (Vita Da Mamma)

MOSCA - Si inasprisce la mini guerra fredda tra Russia e Usa sulle adozioni. Mosca è rimasta irritata dalle conclusioni dell'autopsia americana su Maxim Kuzmin: il bimbo russo di 3 anni adottato da una coppia texana sarebbe morto per cause accidentali e ... (Il Messaggero)

Mosca, 2 mar. (TMNews) - Migliaia di persone hanno partecipato oggi a Mosca a un corteo organizzato per invocare il totale divieto di adozione di orfani russi da parte di stranieri. E per chiedere il rimpatrio di un bambino adottato in Texas, il cui fratellino è ... (TMNews)

Migliaia di persone hanno partecipato oggi a Mosca a un corteo organizzato per invocare il totale divieto di adozione di orfani russi da parte di stranieri. (L'Unità)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr