Evergrande continua a soffrire alla borsa di Hong Kong. Ma per S&P Pechino interverrà con bailout solo in extremis

Finanzaonline.com ECONOMIA

Oggi il presidente di Evergrande ha tentato di rassicurare i mercati, affermando che il colosso sviluppatore immobiliare cinese onorerà quanto dovuto agli investitori, ai soci, alle istituzioni finanziarie, agli acquirenti di proprietà immobiliari.

Insomma, Evergrande secondo gli analisti dell'agenzia di rating "non è Too big to fail", non è ovvero così grande da non poter fallire

"Il governo vuole dare un aiuto, ma vuole anche che gli eventi facciano il loro corso - si legge nella nota di S&P - anche nel mercato immobiliare della provincia, lo sviluppatore è insignificante rispetto alla vasta economia locale di Guangdong". (Finanzaonline.com)

Ne parlano anche altri media

Riteniamo possibile che il Governo di Pechino possa però indirettamente intervenire per permettere a Evergrande di guadagnare tempo e di trovare un accordo coi creditori per evitare il rischio di contagio della crisi del colosso immobiliare sull’intero sistema finanziario. (LaPresse)

Le difficoltà del colosso immobiliare cinese Evergrande hanno favorito le vendite su tutti i mercati nelle ultime sedute. Il possibile default della società immobiliare ha scosso e continua a scuotere i mercati che aspettavano soltanto una scusa per correggere dai valori record raggiunti nei mesi scorsi. (Wall Street Italia)

Soprattutto fra le compagnie di assicurazione e le banche, se il contagio si estenderà all'intero settore immobiliare cinese, già in sofferenza a causa dal rallentamento subìto dalle vendite. Fino a non molto tempo fa, Evergrande era la big to fail: troppo grande per fallire. (ilGiornale.it)

Alle ore 7:20 italiane il Nikkei cede l'1,8% dopo le festività di ieri, l'Hang Seng perde lo 0,6% e Shanghai è ancora chiusa per il Midsummer Festival. L'Hang Seng continua a perdere terreno, fra Evergrande, il secondo maggiore gruppo immobiliare cinese zavorrato da 305 miliardi di dollari di debiti, e i gruppi tech presi di mira da Pechino. (Milano Finanza)

Male anche il comparto automotive, sotto pressione dopo la notizia dell'indagine su circa 30 milioni di auto di vari marchi equipaggiate con airbag del produttore giapponese Takata: forti perdite per Cnh Industrial (-3,48%) e Stellantis (-4,47%). (IL GIORNO)

Evergrande sta affrontando un enorme debito di 300 miliardi dollari e ha avvertito che potrebbe andare in default. Una tale mossa è vista come potenzialmente dannosa per l’economia cinese e potrebbe riversarsi nel mercato internazionale (Dove Investire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr