Napoli, una 28enne non vaccinata muore di Covid: aveva partorito da pochi giorni

Open INTERNO

La donna, non vaccinata, era stata ricoverata lo scorso 29 agosto per complicanze legate al Covid-19.

Una ragazza di 28 anni è morta nel reparto dedicato alle donne in stato di gravidanza e positive al Coronavirus del Policlinico di Napoli.

Il bimbo sta bene, ma per la ragazza, originaria di Santa Maria Capua Vetere, non c’è stato nulla da fare.

In terapia intensiva nel reparto ci sono ancora due ragazze, e gli arrivi, spiega Bifulco, sono costanti

Come ha spiegato all’Ansa il direttore del reparto del Policlinico Giuseppe Bifulco, «nei giorni seguenti al parto c’è stato un aggravamento del quadro respiratorio e avevamo dovuto trasferirla in rianimazione da un decina di giorni. (Open)

La notizia riportata su altri media

Il reparto è pieno anche confrontandoci con altri colleghi sul territorio molte donne incinte sono infettate anche se asintomatiche. Il dramma si è consumato nel reparto dedicato alle donne in stato di gravidanza e positive al Secondo Policlinico di Napoli (ilGiornale.it)

Per Palma non c'è stato nulla da fare, morta di Covid a 28 anni senza poter abbracciare il suo bimbo Maria Reale scrive: «Mia sorella Palma, 28 anni, incinta 8 mesi, si era recata al pronto soccorso di Caserta per dolori di pancia e difficoltà respiratorie. (ilgazzettino.it)

La ragazza invece, di Santa Maria Capua Vetere, è entrata in coma ed è morta Non si era vaccinata per paura di mettere a rischio la gravidanza. (YouTG.net)

Ambulanza. Il bambino è stato salvato con un parto prematuro. I medici sono intervenuti facendo nascere il bambino con un parto prematuro Una ragazza di 28 anni è morta di Covid al Policlinico Federico II di Napoli: aveva da poco partorito il quarto figlio. (News Mondo)

La prima, 31 anni e già tre figli, contagiata insieme con tutta la famiglia, è arrivata in ospedale il 10 agosto: le sue condizioni, se pur stabili, restano molto gravi, anche peggio quelle del suo bambino nato gravemente prematuro a meno di sei mesi. (ilmattino.it)

E’ accaduto a Napoli dove la giovane donna era ricoverata in terapia intensiva al II Policlinico dal 29 agosto. Curare a casa una donna incinta con problemi respiratori in atto senza fare una tac, nulla! (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr