Cingolani: il Governo interverrà per abbassare le bollette

Punto Informatico ECONOMIA

Ora quel che resta da capire è sia il “quanto” che il “come”.

Il Consiglio dei Ministri di giovedì non discuterà soltanto le eccezioni stabilite per l'accesso con Green Pass in negozi, supermercati e altri esercizi commerciali, ma definirà altresì l'incisività con cui il Governo intende supportare famiglie e imprese nella lotta al caro-bolletta.

La stagione fredda è compromessa, insomma, e per una stabilizzazione dei prezzi occorrerà attendere l'estate e le notizie provenienti da Mosca e Kiev

Cingolani: interventi contro il caro-bolletta. (Punto Informatico)

Se ne è parlato anche su altri media

Un risparmio da quantificare arriverebbe dal raddoppio della produzione nazionale di gas (senza aumentare il consumo): da 4,5 miliardi di metri cubi all’anno a 8 miliardi Sono le misure, riportate dall'Ansa, che il governo Draghi sta studiando per combattere il caro bollette e che dovrebbero essere inserite giovedì 20 gennaio in un provvedimento del Consiglio dei ministri. (Eco dalle Città)

Sono le risorse possibili per mitigare il caro bollette che il governo sta valutando di usare, oltre all'aumento della produzione nazionale di gas. Allo studio del governo anche l'utilizzo dell'extra-gettito delle accise dovuto all'aumento dei prezzi dei carburanti, 1,4 miliardi nel 2021 (Italiafruit News)

Cingolani ha accennato a un pacchetto da 8-10 miliardi di euro con la possibilità di azionare di tagli dell’Iva sulle bollette. Servono quindi ulteriori misure volte a mitigare il caro bollette. (Finanzaonline.com)

Una situazione che pesa su un comparto ad alto impiego di lavoro come la rete delle 80 mila cooperative italiane con oltre un milione di occupati distribuiti più settori produttivi – sottolinea Uecoop – dai servizi alla logistica, dal turismo all’alimentare, dalla sanità alla scuola, dallo sport agli spettacoli. (Sardegna Reporter)

Il nuovo questore di Monza, Marco Odorisio, ha fatto visita mercoledì mattina al Comune di Lissone, nell’ambito degli incontri istituzionali seguiti al suo insediamento avvenuto nei primi giorni dell’anno. (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Dunque altri 1,5 miliardi si possono recuperare riducendo gli incentivi al fotovoltaico ancorandoli ai prezzi dell'energia ante-crisi a fronte di un allungamento della concessione. Altri 1-2 miliardi si possono raccogliere dagli impianti idroelettrici non incentivati e non con contratti a lungo termine. (ilgazzettino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr