Stato d’emergenza, Draghi: “A noi interessa la struttura sanitaria, bisogna chiedersi se è…

Stato d’emergenza, Draghi: “A noi interessa la struttura sanitaria, bisogna chiedersi se è…
Il Fatto Quotidiano INTERNO

“La strada di buon senso – ha aggiunto – è quella di chiedersi se è possibile mantenere questa struttura senza promulgare un altro stato d’emergenza“

Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, rispondendo a una domanda durante la conferenza stampa di presentazione della nuova misura anti-Covid del super Green pass.

“Proroga dello stato di emergenza?

Prolungare l’emergenza o avere a disposizione tutta la struttura di vaccinazione, ospedalizzazione, mobilitazione sanitaria e controlli che ci ha permesso sinora di combattere l’epidemia?

Ma a noi cosa interessa?

(Il Fatto Quotidiano)

Su altri media

In questo periodo di tempo la Commissione e una serie di comitati valuterà l'Italia" (Adnkronos) - Sul Recovery plan "siamo in linea" con gli obiettivi, "la macchina sta andando avanti e bene. (LiberoQuotidiano.it)

Efficacia al 90,7 %. Un Natale «diverso dall'ultimo», con i negozi aperti, i ristoranti e i cinema pieni e gli sciatori sulle piste innevate. «Un Natale normale». (Il Gazzettino)

Ma se devono ascoltare i propri medici, per decidere il da farsi, perché fanno partire prima una campagna di informazione di massa per convincere le famiglie? Ma perché fare una campagna per convincere le famiglie su una cosa così delicata se non si sa se è del tutto corretta? (Imola Oggi)

Super Green pass per salvare il Natale, Qr per bus e metro. Draghi: «Più controlli»

Il riferimento è al parere del giurista Sabino Cassese che più volte ha criticato l’eccessivo uso dei dpcm durante la pandemia, sottolineando in un’intervista di quest’estate che una proroga dello stato d’emergenza era “inspiegabile”. (Il Fatto Quotidiano)

Draghi minimizza, spiega l’importanza di «ricucire la contrapposizione fra chi si è vaccinato e chi no. «Ma vi ricordate quello di un anno fa?», Mario Draghi è stato a lungo perplesso. (La Stampa)

Con queste parole Mario Draghi, con accanto i ministri Roberto Speranza (Salute) e Mariastella Gelmini (Regioni), ha spiegato il lockdown per i No vax dal 6 dicembre al 15 gennaio (salvo proroghe) e l’introduzione di fatto di un. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr